Bagaglio: la Top 5 dei Travel Blogger

Prima di ringraziare Silvia di The Food Traveler e Tiziana di La Valigia In Viaggio per avermi invitata a partecipare a questo tag, voglio fare un appello e chiedere se qualcuno di voi possa passarmi il numero di uno svuotacantine bravo e con un furgone bello grande: ho bisogno urgente di fare pulizie e ordine in bozze.

Anche questo post infatti giaceva dimenticato in bozze e siccome i mali non vengono mai da soli, un improvviso lutto che ha colpito la mia scrivania mi ha costretta a rimanere bloccata più di una settimana senza pc.
Il MIO pc con tutte le foto dei miei ultimi due anni di viaggio non so se mi spiego!
Il calendario sto giro l’ho recitato in sanscrito.

Ma bando agli sfoghi, anche se in ritardo cane rispondo volentieri all’iniziativa di Sandra di Passaporto e Colori che recentemente ha fatto girare nella community di blogger viaggiatori questa domanda: “indipendentemente dalla meta e dalla durata del vostro prossimo viaggio, quali sono le 5 cose che non possono mancare nel bagaglio?”
In ordine sparso la top 5 degli oggetti imprescindibili che non possono mancare nel mio zaino è:

Il Pocket Coffee

Neanche a farlo a posta proprio in questi giorni gira uno spot che lo dipinge come il compagno di viaggio ideale. E per me effettivamente è così.
E’ stata la mia salvezza all’estero quando beccavo caffè improponibili dal sapore di una pozzanghera o quando rischiavo degli abbiocchi apocalittici in treno/aereo/autobus.

A proposito, essendo un cioccolatino con un cuore liquido, la prima volta che affrontai i controlli in aeroporto ebbi il timore di separarmene.
Dovevate vedermi, avevo la faccia colpevole di chi nasconde della droga nello zaino…la tanto temuta sindrome dell’agnello pasquale, tuttavia ero pronta a farmi fuori tutti i pacchetti in un solo boccone pur di non abbandonarli sul nastro agli addetti. Per fortuna li hanno sempre fatti passare.
O forse l’articolo non fa troppa gola ai controllori?

Il mio Poker d’Assi:
la fedele notes + passaporto + power bank + gancio

Lo so sono quattro oggetti ma per me viaggiano insieme letteralmente, infatti li conservo nello stesso “reparto” dei miei cassetti quando non sono in viaggio.
La mia piccola agendina brandizzata contiene (sempre in sanscrito) la bellezza di quattro anni di viaggi in appunti, indirizzi, orari di mezzi pubblici e altre cose che a distanza di tempo mi risultano illeggibili perché scrivo come i dottori.
Purtroppo le pagine sono quasi terminate e mi dispiacerà un botto doverla sostituire con una nuova.

Il passaporto non ha bisogno di presentazioni, lo porto con me anche quando viaggio in area Schengen mentre la power bank mi ha salvato la vita numerosissime volte!
Ad esempio in occasione di intere giornate passate a gironzolare senza la possibilità di tornare in albergo oppure in condizioni climatiche particolari quando le batterie si scaricano a causa del freddo estremo.
Cracovia mi è successo di uscire dalla pensioncina alle sette di mattina con -2° e con il cello caricato al 100%. Esco e dopo cinquanta metri trovo uno scorcio carinissimo da fotografare.
Il tempo di tre scatti (proprio 3 di numero) e il cello si spegne con carica ZERO! Stavo andando ad Auschwitz ed ho usato la provvidenziale carica della power bank durante l’ora e mezza di tragitto in bus per arrivarci.
Se non avessi avuto la power bank non avrei mai potuto documentare gli orrori di Auschwitz.

Il gancio invece è il mio jolly: odio visceralmente avere le mani occupate. A costo di sembrare un albero di natale, quel gancio perennemente appeso al passante laterale del jeans mi serve per sopportare eventuali ombrelli, shopper, borsette, COSE e tutto ciò che mi impedirebbe di fotografare liberamente durante il viaggio.

La bottiglia d’acqua schiacciata

A costo di essere ripetitiva come ho già indicato qui e qui, l’acqua gratis in viaggio per me è una questione di principio.
Subito dopo aver acquistato il volo e la sistemazione corro su Fontanelle.org per visualizzare la mappa delle fontanelle pubbliche del prossimo next stop, dove approvvigionare l’acqua liberamente.

La bottiglia accartocciata prende pochissimo spazio nel bagaglio e con un po di fiato è subito pronta ad essere riempita nuovamente.
Spesso in hotel ci si alza in piena notte con una sete tremenda, soprattutto dopo aver mangiato cibi locali speziati e saporiti.
Oppure mettete che serva dell’acqua per sciogliere un’aspirina o un medicinale?
Non è che io abbia le zampe di travertino ma a volte mi brucia dover pagare una bottiglia d’acqua da mezzo litro anche 5 euro (come è capitato più di una volta, ladri!)

La federa per il cuscino

Più che federa è una mezza federa, sono riuscita a fare una finanziaria pure sul copri cuscino!
In tanti anni non ho mai osato poggiare testa e viso su un cuscino che non fosse il mio: come si suol dire ci mettiamo la faccia.
Possono davvero bastare uno straccetto e quattro fettucce a salvare la faccia? Il luminol dice di si.

E sempre a proposito di faccia, dovevate vedere quelle dei passanti sotto il mio balcone mentre ero impegnata a fare questo scatto…ad un certo punto ho realizzato e sono scoppiata a ridere perché sembravo la pazza del quartiere che si arrende con la bandiera bianca!

La Fionda

Un articolo da viaggio indispensabile per me che sono colpita dalla maledizione del “bambino molesto”.
In aereo, in treno e sui mezzi pubblici, in omaggio con il mio biglietto trovo sempre il bimbo scassacazzi che calcia il sedile, urla e stalkera i passeggeri vicini.
Tra l’altro al modello bambina della Lufthansa si è aggiunto quel terribile bambino Italiota che sta popolando i miei incubi notturni.
Visto che sono dei viaggiatori professionisti già in tenera età io propongo di farli incontrare e magari imbarcarli su un bel piroscafo di lusso, partenza Southampton e destinazione New York.
Così sarò libera di sostituire la fionda con un altro Top 5…chessò magari un più innocuo ed utile pacchetto di assorbenti.

E’ tutto. Ora dovrei taggare altri blogger per invitarli a scrivere la loro Top 5 ma ormai ho visto che l’avete postato quasi tutti.
Così da Rosaria di La Valigia di Cassandra mi è arrivato un suggest fighissimo che “azzera” la situazione in modo simpatico e creativo.
Invito tutti quelli che lasceranno un commento qui sotto a postare una top list degli oggetti che, cito Rosaria, “non porteremo in viaggio neanche morti” 😉

Buon fine settimana amici viaggiatori!

44 pensieri su “Bagaglio: la Top 5 dei Travel Blogger

  1. Grazie per aver partecipato! Lo sapevo che il tuo sarebbe stato un post super esplosivo
    A parte la federa di cui già sapevo, quella del gancio la trovo un’idea geniale. Quando ho visto la foto ho pensato che potesse essere usata insieme al cordino di Sandra per costruire qualcosa, ma invece così è ancora meglio! E ha il vantaggio di occupare pochissimo spazio.
    La bottiglia vuota anche è utilissima, anzi, mi hai fatto venire in mente che qualche mese fa in farmacia insieme a qualche confezione di vitamine mi hanno regalato una bottiglia da mezzo litro di plastica “molliccia”, comodissima da mettere in borsa. Quando è vuota sembra un sacchettino di quelli per congelare la carne, solo un po’ più spesso, e quando è piena è molto comoda da portare in giro.
    La fionda, ti prego, mandamene una! I bambini sono tanto graziosi e carini quando si comportano bene, altrimenti è obbligatorio usare la fionda. Se ce l’avessi avuta sul volo da Francoforte a Mosca avrei evitato di dover lavare i jeans del mio compagno appena arrivata in hotel perché la bambina della fila davanti mangiando in piedi sul sedile, con la faccia verso di noi, ha fatto cadere un bel maccherone al pomodoro sui nostri sedile (la madre ha fatto finta di niente per cui la fionda avrei dovuto usarla soprattutto su di lei 😉
    La top list degli oggetti non porteremo in viaggio neanche morti? Idea bellissima, accetto la sfida!
    Buon sabato ❤️

    • La borraccia molliccia è perfetta, è ancora meglio della bottiglia schiacciata! Se non sbaglio ne vendono una simile da Decathlon, appena passo ne compro una!
      Noooo il maccherone sui pantaloni =_= altro che fionda…ci voleva un M-16 😛 E’ vero che i bambini di oggi sono demoniaci ma la colpa come lasciavi intendere è sempre dei genitori che sembrano disinteressarsi completamente dei danni che combinano i loro figli.
      Grazie per essere passata Silvia e grazie anche per la nomination a cui ho risposto con imbarazzante ritardo! 😉

  2. Ciao! Appena ho detto a Enrico che esiste il sito delle fontanelle si è illuminato: sapessi quante volte, soprattutto quando siamo in campeggio, le fontanine ci hanno salvati 🙂 Lo userà sicuramente! Sono morta dal ridere sulla fionda! Gli oggetti che non porterei in viaggio neanche morta? Challenge accepted! Ci penserò e vedremo cosa verrà fuori 🙂

    • Ciao Serena! Si quel sito è la mia bibbia…mi devi vedere quando in viaggio cerco la fontanella segnalata sulla mappa hahaha sembro quegli sciamani cercatori d’acqua con la bacchetta di legno 😛
      Grazie per essere passata 🙂

  3. Ti rinnovo il mio dispiacere per il pc. Io sto giust’appunto mettendo tutte le foto nei cd. Non si sa mai.
    Ricordavo la storia della bottiglia d’acqua schiacciata. I cioccolatini mi mancava, la federa non credo. Penso di averlo già letto in qualche altro tuo post. La fionda è un pò troppo, poveri figli scassa caz ma al posto tuo mi incavolerei coi genitori piuttosto.
    Adoro le tue cose personalizzate. Troppo troppo. Ah e nella tua agendina vorrei proprio sbirciare!
    P.s. Con me non vale che ho già dato con questo post!;)
    Ti abbraccio fortissimamente!
    Tiz

    p.s. Se trovi che qualcuno è stato tre ore e più sul tuo blog, ero io!

    • Eh piano piano Tizzi sto prendendo confidenza con il mio nuovo “amico” e allo stesso tempo recupero le foto dal vecchio HD!
      Infatti! Come dicevamo con Silvia la colpa è al 90% dei genitori ma se provi solo a guardarli male sarebbero capaci di scorticarti pur di difendere i loro marmocchi molesti! E’ una guerra persa 😛
      Vuoi sbirciare nell’agendina? Non ci capiresti nulla hahah veramente scrivo con una grafia pessima peggio dei dottori 😀 😀
      Buona serata un bacione!

  4. La federa e la bottiglia d’acqua schiacciata sapevo che li avresti messi (sono o non sono una follower fedele? 😉 ), ma il gancio mi ha spiazzata nella sua genialità! E io te lo copio! Odio pure io avere le mani occupate e a meno di non caricare Vale come uno sherpa…vado di gancio…Grande Orsa! Rispondendo alla domanda di Rosaria, io in viaggio non porterei manco morta…l’ombrello. Mi sembrerebbe di portarmi sfiga da sola e, proprio perchè detesto avere le mani occupate, preferisco mettere l’impermeabile 🙂
    Buon weekend, un bacione!!

    • Wow grazie per l’alta fedeltà Alessia 😀 😀 😀
      Copia pure! Però trattalo meglio di come lo tratto io… ah se potesse parlare il mio gancio hahahah 😉
      Hai presente il tipico homeless con il carrello pieno di roba? Ecco applica il concetto al gancio 😛
      Ciao e buona serata 😉

  5. Il mio post è pronto da tre settimane, per cui mi immolo senza paura. Devo solo trovare il momento di pubblicarlo, perché “c’è coda sulla tangenziale”!
    Detto ciò: tu sei appena diventata la mia ‘Guru dei Bagagli’. Adesso penserai che ciò che sto per dire sia assurdo, ma sai che ad un sacco di oggetti non avevo mai pensato? Mi vergono un po’ ad ammettere, ad esempio, che la fionda col muso d’orsa non mi era mai venuta in mente! Sai quanti problemi, avrebbe potuto risolvere?
    Ma anche i pocket coffee. Un ‘oggettino’ tanto semplice, quanto geniale. No, sul serio Dani, non mi sono mai venuti in mente. Mai! Dal prossimo viaggio all’estero, li porterò con me e penserò a te!
    Ho due domande, una sulla mezza federa, una sull’acqua. Partiamo dalla mezza federa. Ma davvero dici che la situazione federe in hotel/ appartamento, è così drammatica? Schifiltosa come sono, questa è un’altra cosa a cui non avevo assolutamente pensato. Ora mi hai dato una fisima in più su cui soffermarmi! Ti mando già i ringraziamenti di Daniele, che vorrà di certo inviarti dei pocket coffee contraffatti, per esprimere la sua gratitudine!
    Seconda domanda: sul serio riesci a riutilizzare una bottiglia accartocciata? Sarà che ho il fiato di un criceto, ma in genere fatico persino a gonfiare un palloncino. In pratica se It dovesse assumermi per coprire questo ruolo, mi licenzierebbe dopo un’ora…
    La tua agendina col logo è DIVINA! Veramente un gioiello! Tra l’altro si abbina perfettamente allo zainetto griffato “Orsa”. Io li voglio su tutte le passerelle, già nella prossima collezione.
    Bene, ora ti saluto, perché torno sul tuo post, a ridere leggendo il passo in cui parli della mega crociera Southampton-New York ! Sai che noi due, si finisce sotto tiro di insulti genitoriali, vero? Ma poi chissene: ci difenderemo con le fionde!
    Buona domenica!
    Claudia B.

    • Vuoi una fionda personalizzata con A.T.? 😉 Carina l’agendina vero? Tutta la linea personalizzata l’ho fatta fare a quelli di MyGadget! La bottiglia accartocciata si “rigonfia” in un attimo anche senza farsi venire uno svenimento…basta infilarla sotto il rubinetto e si riprende anche se nell’aspetto poi è una diversamente-bottiglia! Quel bambino dello spot Italo è il futuro marito PERFETTO per la bambina scassaminkia della Lufthansa hahahah! Mandiamoli in crociera sul Titanic!
      Un grande abbraccio Clà! 😉

  6. anche io ho questo articolo in bozze da un po’, ma spero in settimana di riuscire a pubblicarlo!
    Con la fionda mi hai fatta morire, ti immagino in una guerra in volo con tanto di imboscate tra i vari sedili. 🙂
    Anche sulla federa, e chi ci aveva mai pensato? vabbè che io dormo dovunque mi capiti, veramente, ma magari dovrei fare un po’ più di attenzione sull’igiene.
    La power bank sarà presente anche nella mia top5. Ormai come si può uscire da casa senza?
    Una domanda, quello sull’agenda è un adesivo? Se così fosse lo voglio anche io un adesivo di Orsa!

    • Guarda certe volte vorrei delle granate! 😛 Ho letto il tuo post, effettivamente senza PB è un rischio e una conseguente tragedia 😉
      Non è un adesivo, in verità è stato un omaggio di MyGadget per la marea di cose personalizzate che ho fatto fare da loro 🙂
      Gli adesivi però li ho fatti fare ad un’altra azienda…e li ho lasciati ingiro per l’Italia a mo’ di untore manzoniano hahahaha 😀
      Ciao Stefi, buona serata!

  7. Allora non so se ti sarà già arrivato un commento ma mi da problemi la connessione, quindi in tal caso perdonami! non voglio riempirti di SPAM! ahahah
    Comunque ho riso troppo sulla questione fionda ed anche sulla federa perché mi ci ritrovo un sacco, sebbene poi io non la porti mai e mi ritrovi a dover usare la mia mano come protezione fra me ed il cuscino – evviva la comodità!
    Invece per il gancio mi hai dato una bella idea, anche se avrei paura di rimanere in mutande dopo un po’. ahahahahah un bacione orsa!

    • No Lu è arrivato solo questo tranquilla! 🙂
      Hahahah esatto…il rischio mio è lo stesso tuo di rimanere in mutande per l’eccessivo peso 😉
      Buon viaggio in Polonia un bacione! 😉

  8. Bellissima l’agendina brandizzata ! 😀 L’idea del gancio è molto utile, soprattutto a Lemu Rino che non dovrà fare da attaccapanni dopo il “mi tieni un attimo… ?” per scattare una foto.
    Interessante la questione legata ai mitici cioccolatini caffettosi: si potrebbero inventare i pocket coffee esplosivi!

    • Oddio nooo! Non spargere la voce altrimenti molto presto i miei adorati PC finiranno nella lista nera delle cose da non portare a bordo! 😛
      Esatto la frase era proprio quella: “mi tieni un attimo” 😀 😀 😀
      Ciao ragazzi 😉

  9. Usi la fionda contro i bambini inopportuni Orsa? Parliamone…
    … sei un genio!!! Sarei disposta a rinunciare a uno dei miei top5 se avessi la possibilità di scaraventare una cartuccia addosso ad un bimbo fastidioso!
    E anche in questo “articolo Top5” ho riscontrato un altro accessorio utilissimo che fa salire la mia lista delle cose necessarie a 30: la federa del cuscino! Grazie Orsa :*

    • Stavo pensando di usarla caricata a caramelle così stanno buoni per un po a scartarle! 😛
      La federa è la mia miglior amica in viaggio, senza sarei capace di dormire in piedi! 😉
      TRENTA? hahahah dovrai scrivere 6 post da Top5 😀 😀
      Un megabacione Cris!

  10. No aspetta, aspetta: cosa ci fai esattamente con la fionda? Dimmi che ci tiri davvero oggetti vari contro i marmocchi molesti, ti prego. Be my hero.

    Fighissima la top degli oggetti che non porteremo mai, la faccio di sicuro!

    • Ciao Anna! I marmocchi molesti altro che fionde! Si meriterebbero di essergli tirati dietro direttamente i genitori hahahaha 😉
      Dai allora aspetto la tua Top5 😀

  11. No ma il gancio è geniale, dovrò adottare anch’io questo strategemma! Io ora ho acquistato una power bank solare (anzi diciamo che ho vinto un buono Amazon al lavoro e ne ho approfittato, altrimenti da brava tirchiazza manco ci avrei mai pensato), vediamo come andrà però concordo: salvano la vita e le nostre foto! 😀 post simpaticissimo!
    Un saluto!

    • Grazie Giulia! Collega tirchiazza: presente! 😛 Alla versione solare non ci avevo pensato, vado a dare un’occhiata anche io, grazie per il suggerimento 😉
      Buona serata!

    • Mammamia Marika io come dicevo prima sarei capace di dormire in piedi o sulla sedia senza federa 😉
      Ciao e grazie per essere passata!

  12. In viaggio, mi ritengo fortunata per una cosa: io, da pessima napoletana, non ho mai sorseggiato una goccia di caffè! Questo, almeno, mi consente di non sentirne la mancanza…compenso, però, con la mozzarella, rigorosamente di bufala: che dici? Inventeranno un “Pocket Mozzy”??? :DDD
    Naturalmente, la tua lista non poteva che essere geniale; ma, più che altro, mi sono concentrata su di una cosa: vedo che conosci bene il sanscrito, io – invece – sono specializzata sull’aramaico antico, che sfoggio nelle tue stesse occasioni…ci scambiamo lezioni private, per ampliare le nostre conoscenze??? 😛
    Mi fa piacere che tu abbia colto al volto la mia idea…seguo, naturalmente!
    Un mega bacio, Dani, e buona settimana…sai che ‘sto weekend vado finalmente a Firenze??? ^_^

    • Il PocketMozzy è geniale! Davvero ma tu stai andando a ruota libera con queste genialate! 😉 Ti confesso che ogni tanto ne sento anche io la mancanza all’estero…soprattutto quando vedo certe “formazioni ricottose” spacciate per mozzarelle sulla pizza 😀 😀

      oldfoaifalsmdaòsldk fiodpfaèfkaàòaklsdfa
      (significa Buon proseguimento del Viaggio in sanscrito) 😉

  13. La fioda è stupenda hahahhahahhaha però non mi dovesi nominare i “Pocket Coffee” che qui li trovo raramente e li adoro. Voglio piangere adesso :'(
    Bella lista comunque, io porto sempre anche un gel per le mani, spesso non c’è sapone nei bagni dei locali dove vado. 😉
    Buona giornata cara

  14. ahah quella dei bambini è una maledizione! Secondo te dov’è capitato l’unico neonato del volo Boston-Roma? Proprio di fianco a noi! Per fortuna è stato tranquillissimo ed ha dormito quasi tutto il viaggio 🙂
    Il gancio mi sa che te lo copio 🙂 Anche Anna Luisa ringrazierà 😀

    Fabio

    • hahahah anche tu dici ad AnnaLù “mi tieni un attimo?”
      Ha dormito tutto il tempo Boston-Roma? Dì la verità…cosa avete dato a quel bambino di nascosto dalla madre? 😛

  15. Ma lo sai che sono proprio fortunato; è un pò che non incontro il “bimbo scassacazzi” nei miei viaggi. Per ogni evenienza porto meco sempre i meravigliosi tappi di gomma. Oh la trovata della bottiglia “pigiata” è meravigliosa hahah

    • Portare “seco” i tappi è una gran bella idea, in accoppiata con la maschera per gli occhi così occhio non vede…bimbo non muore fulminato 😛
      Grazie per essere passato 😉

  16. Ok mi hai aperto un mondo… la bottiglietta d’acqua schiacciata. Già lo sapevo, ma ho avuto conferma che sei un genio assoluto!!! Anche perchè in alcuni posti l’acqua ha dei costi assurdi. Pensa che a Bruxelles ci hanno fatto pagare 7€ un litro. In un ristorante, ma sticazz. Eh. Ad aver avuto la bottiglietta dietro, avrei mangiato a secco e bevuto una volta uscita.
    Ripeto, un genio!!

    • Occaspita sette Euro! O_O Ok hai vinto tu 😀
      E pensare che poi sono i primi a lamentarsi quando arrivano in Italia e vengono bastonati in città come Venezia o Firenze! 😛 EStiCazz proprio! 😉

Rispondi