Il #MioBagaglioPer Kaunas


Finalmente dopo 5 lunghissimi mesi di letargo l’Orsa si risveglia e torna a preparare lo zaino.
-Ragazzi parto per Kaunas!
-Ma nun c’ annà, ma làssa pèrde, ma chi t’ ooo fa fà?
-…ho detto che vado a Kaunas non a fare la Saùna! (ok questa arriverà a pochi)

Ladies and gentlemen let me introduce il #MioBagaglioPer Kaunas!

Ci risiamo, l’Europa del Nord Est è lì che mi chiama e mi ammalia con le sue infallibili tecniche d’irretimento lowcost.
Così con la complicità di Ryanair, che ha deciso finalmente di mangiare una sfogliatella napoletana,  ho acquistato un volo Napoli-Lituania pagando in parte con il voucher vinto su Travel365.
Sarà un po’ il viaggio delle mie prime volte:  prima volta con Ryanair (tra l’altro viaggio inaugurale della rotta) e prima volta in un appartamento.

Ma della Lituania, della città di Kaunas e dei sui strepitosi dintorni vi parlerò al mio ritorno, ora invece vi mostro il mio essenzialissimo bagaglio e vi faccio vedere  di cosa è capace il mio spirito guida Quèlo” che, come potete vedere, è la quintessenza del nulla cosmico (grande Guzzanti)!

E’ vero che siamo a Maggio ma le latitudini Lituane risentono ancora delle correnti Baltiche che provengono da Nord (perchè parlo come un metereorologo?): si stimano temperature fra i 5 e i 12 gradi quindi l’equipaggiamento di base che mi permetterà di non rimpiangere il nostro bel clima mite è composto da: giubbetto imbottito in pelle, 2 maglioncini di quelli pesanti a collo alto, calzettoni molto spessi e molto femminili e scarponcini.

Il colpo di coda invernale delle settimane scorse è stato provvidenziale, mi ha permesso infatti di non archiviare ancora la roba pesante!
Sul pigiama opto sempre per un caldo cotone molto sottile e poco ingombrante, parto dal presupposto che le case nordiche siano ben coibentate e riscaldate e infatti mi sono sempre trovata benissimo.
Invece della mia federa supplementare “salvafaccia” vi ho già ampiamente parlato in altre occasioni.
La mia superminicompatta la porto sempre al collo in modo che non rubi spazio nel bagaglio…già come se nello zaino ingombrasse sta pulce!
Mi ostino caparbiamente a non voler acquistare una Reflex. Sono perfettamente consapevole dei limiti come ho detto qui, ma per adesso una Reflex la vedo come un ingombro al mio modo di viaggiare.
Poi in futuro chissà.


La solita bottiglia d’acqua appiattita da riempire in loco (ricordate la questione dell’acqua in viaggio?), le mie fedeli pantofole Ikea, ombrello e k-way personalizzato.
Quest ultimo non perchè avessi paura che l’ombrello non basti ma piuttosto perchè se si dovesse bagnare il mio giubetto stile coloniale mi arrabbierei come l’orsa che si è spupazzata Di Caprio.


E poi ancora la solita tasca trasparente con spazzolino, dentifricio, deodorante e mini kit per make-up.
Apro una piccola parentesi: mi trucco pochissimo, uso soltanto matita per occhi e bbcream che inserisco in uno di quei contenitori tondi e trasparenti insieme ad una noce di crema idratante.
Nonostante abbia la riprovevole abilità di viaggiare come una barbona c’è una mania insensata di cui non riesco prorpio a liberarmi: fazzolettini, fazzolettini e ancora fazzolettini come se non ci fosse un domani! Sono solo io o capita anche a qualcuno di voi?

Infine caricabatterie, agendina, pochette con i medicinali e tracolla da portare ingiro.
Con altre compagnie dovevo infilarla nello zaino (ebbene si, ci stava anche quella!) invece ho scoperto che con Ryanair la tracolla non è considerata come “pezzo” nel bagaglio a mano e quindi non si cumula con lo zainetto.
Ad ogni modo fino all’ultimo mi riservo di sostituire i maglioncini con un caldo pile e il giubetto con un piumino più pensante.
Dimenticavo, onde evitare di portare dietro il profumo sono solita spruzzarlo copiosamente sul mio abbigliamento in anticipo 😉

Non vedo l’ora di tornare e raccontarvi di questa fantastica terra!

E ricordate che se non riuscite a partire facendo a meno di tantaroba, la risposta non è da cercare fuori: la risposta è dentro di voi! E però è sbajata…

Chiedo scusa a Gigi Proietti e Corrado Guzzanti, due mostri sacri che ho umilmente accostato al mio blog.

43 pensieri su “Il #MioBagaglioPer Kaunas

  1. Non avevo mai sentito parlare di Kaunas, ma dalla foto sembra davvero una bella cittadina!! Sono curiosissima di leggere poi i tuoi racconti di viaggio! Finalmene la Santa Ryanair ti ha fatto il regalo di offrire tratte interessanti anche dalle tue parti 😉 Maniache dei fazzolettini di carta della serie più ne metto in valigia meglio è? Presente!!!! 😀 .D 😀 E ti dirò di più: ho il vizio di mettere in valigia anche vari pacchetti di crackers…che poi puntualmente non mangio mai e riporto a casa tutti schiacciati ;I

    • Ciao Beatrice si Kaunas è stata una piacevole scoperta…proprio grazie alla “Santa Ryanair” 😀
      Hahahah i pacchetti di salatini schiacciati quanti ricordi che mi hai revocato 😉
      Un bacio!

  2. Loro saranno onorati di essere stati nominati nel tuo blog! Ti dovrebbero anche pagare a suon di fazzolettini di carta. Che tra l’altro è pure una mia mania. Fazzoletti, salviette di ogni forma e uso, Amuchina per cucinare. Si, lo so, l’Amuchina è liquida. Ma ultimamente la spalmo sui fazzoletti per disinfettare il cellulare durante i viaggi. Vedi che c’è un nesso 😉
    Bella la scelta della Lituania, voi siete grandissimi! Ammetto la mia ignoranza e non so nulla su Kaunas, ma #stoserena perché ci penserai tu a farmela conoscere. Ed io prenderò ispirazione.
    Quindi prima volta in appartamento? Con chi hai prenotato, Airbnb, Booking? Secondo me è una soluzione sempre ottima. E si, il riscaldamento in genere è una cosa fantastica, vedrai che potrai asportare uno strato di pelliccia!
    Sono curiosa più che mai di conoscere tutto sul tuo viaggio, quindi divertiti, ma preparati a raccontarci ogni cosa 🙂
    Bacioni Dani!
    Claudia B.

    • Ho prenotato con Booking Claudia e l’apparta era davvero fighissimo!
      Ho visto pochissimo della Lituania ma mi è bastato per riempirmi gli occhi, credimi!
      Vi racconterò tutto tutto promesso 😉

  3. Stavo proprio aspettando questo post perché in effetti è da un po’ di tempo che non ci riveli alcuni dei segreti del tuo zaino! Per esempio le ciabatte Ikea sono del tipo che si arrotolano e occupano pochissimo spazio? Perché io non porto mai le ciabatte in valigia per paura che portino via troppo spazio ma spesso me ne pento.
    Ottima idea quella di portare maglioni di lana o pile perché se l’aria è la stessa che tirava ad Amsterdam allora meglio non farsi cogliere impreparati.
    Ma che bello è il Kway con la zampa dell’orsa?
    Ah, anche io non andrei da nessuna parte – nemmeno in ufficio – senza almeno 4-5 pacchetti di fazzoletti
    Buon viaggio, Orsa! Un bacione

    • Le pantofoline Ikea non si arrotolano ma si appiattiscono una bellezza rubando pochissimo spazio nello zaino.
      Silvia sai che all’ultimo ho deciso di sostituire il giubetto di pelle con un altro giubetto più pesante e non ci crederai ma siamo morti DI CALDO!
      In centro erano con bretelline, pantaloncini e infradito! Ed ora hanno di nuovo neve e -2° praticamente gli abbiamo portato il sole di Napoli…e ce lo siamo ripresi quando siamo partiti! 😛
      Che bella che è la Lituania! *_*

  4. Ciao Orsa! Ti stupirò…Kaunas la conosco, ma solo per motivi calcistici! 🙂 Sono una tifosa blucerchiata e alcuni anni fa la Samp giocò contro il Kaunas in Europa League. Ricordo un bel 5-0 per noi in casa, quindi la città mi ispira a prescindere per i bei ricordi 🙂 Buon viaggio, sono molto curiosa di leggere il tuo racconto!

    • Ciao Serena che mi dici…5 pallettoni gli avete rifilato?! 😀
      Dev’essere per via del fatto che c’è una tradizione sportiva più votata al basket che al calcio! 😉
      Comunque se dovessi andare a Kaunas non vestirti con i colori della Samp mi raccomando! 😀 😀

  5. intanto bellissimo lo zainetto personalizzato!!! E ci sono anch’io con la montagna dei fazzoletti di carta, che poi ritrovo al viaggio dopo, quindi ormai vivono nei miei bagagli. Per il “primo volo Ryanair” ti capisco, a gennaio ho avuto il mio battesimo e devo dire che mi ha piacevolmente stupito, fammi poi sapere come ti trovi!
    Per il resto: buon viaggio!!

    • Grazie Sandra! Mi sono trovata benissimo con Ryanair, sai che ho trovato i sedili più larghi, nel senso che tra una fila e l’altra c’era più spazio per le gambe rispetto ad altri vettori? Sottolineo che avevo un posto normale e non quelli “privilegiati” con più spazio!
      Ryanair promossa a pieni voti 😉

  6. Attendo il resoconto di Kaunas, ma nel frattempo ti chiedo: come ti trovi con la supercompatta Nikon? Che modello è (dalla foto non riesco a leggerlo)? In effetti l’ingombro derivante dalla macchina fotografica è sempre stato un mio cruccio. Risparmi sullo spazio portandoti dietro solo due magliette e poi vanifichi tutto con la macchina fotografica. Per il mio prossimo viaggio, considerato che di spazio ne avrò ancora meno perché dovrò portare anche la roba di mia figlia, sto seriamente valutando l’acquisto di una compatta.

    • Ciao Marco intanto grazie per essere passato.
      La compatta è la Nikon Coolpix S01. Le foto non vengono affatto male però è un modello già vecchio. Ci sono in commercio ottime compatte da far invidia a più blasonate Reflex entry level. Tuttavia se posso consigliarti, io opterei per uno smartphone di fascia alta come LG G5 oppure uno Huawei. Sto giro la compatta l’avevo al collo ma ho praticamente scattato solo con un cellulare di fascia medio-bassa appena acquistato (Huawei P8 Lite 2017). Tutte le foto che pubblicherò su Kaunas sono scattate con questo cello.
      Ti taggo due foto su Twitter con la Nikon, giusto per farti vedere come vengono! 😉

  7. Adoro il tuo abbigliamento personalizzato, fa molto professional!!!
    Io in Lituania sono stata l’anno scorso a marzo, ma le temperature non erano così rigide, anche se parte del lago sul quale sorge il castello di Trakai era ghiacciato. Avevamo due giorni e mezzo, quindi oltre Trakai e Vilnius altro non c’è entrato, ma a Kaunas vorrei andarci eccome! Lì e a Klaipeda. Mi sono innamorata della Lituania, si vede??? Aspetto con ansia i tuoi racconti, buon viaggio :*

    • Ma no che professional…è solo un vezzo 😉
      Anche a me sarebbe piaciuto vedere Trakai, la collina delle Croci e magari le città che si affacciano sul Baltico! *_*
      Come dicevo a Silvia gli ultimi due giorni sono stati molto caldi, uno spettacolo!
      Ciao un abbraccio!

  8. Orsa, ciao!!! Kaunas… non la conoscevo (quanta “ignoranzità” che c’è in giro) però sono andata a documentarmi e sai che non è male? Piccolina ma molto deliziosa.
    Poi voglio commentare un paio di cose a raffica: adoro lo zainetto (ma già te l’avevo detto) e il kway, ma i fazzoletti del wwf non si battono! XD
    Fai buon viaggio, divertiti e scatta tante foto, io come al solito, ti seguirò volentieri!
    Un bacione Orsa :*

  9. Stupendo!!!! Poi dovrai fare anche un’altra esperienza ryanair diretta 😉 capisc’a me
    La Sauna non l’ho capita ma Quelo è una referenza storica lodevole. hehehehhe
    Buon viaggio! Ti seguiro a tipo stalker 😛
    Bacini

    • Lu non so quanti gradi c’erano ma sulla mia pelliccia sentivo 30 gradi! 😀 😀
      Che caldo! L’ultimo giorno poi è stato meraviglioso, un cielo di un azzurro pazzesco e i Lituani vestiti come da noi in agosto! *_*
      Orso con il pile hahahahh ed io con sciarpetta e giubotto pesante hahahaha! 😀

  10. Ce li ho anche io i fazzoletti Natura!!!!!
    Comunque sei più mitica di me a cercare mete sconosciute…mai sentita, ma sicuramente meravigliosa.
    Sono quelle scoperte che non ti aspetti ma che poi danno tante soddisfazioni!
    Aspetto il tuo ebook su come viaggiare leggeri: io senza zaino, marsupio, bagaglio a mano, trolley e borsone per le scarpe non vado da nessuna parte…buon viaggiooo!

    • Esattamente! E’ stata proprio una piacevole scoperta! 😉
      Non ti conviene…vedi il mio modo di viaggiare barbone-style sto giro mi ha fregata! Se avessi portato un cambio più leggero non avrei patito il caldo.
      E a proposito di barboni: gli homeless davanti alle stazioni con il cartone del frigorifero, il carrello con le buste piene di roba, il cane ecc…ebbene quelli viaggiano con molta più roba di me! 😛

    • Infatti mi piace proprio per quello! *_*
      Si in effetti troppe zampate…occorre dare una pulitina, non posso lasciare casa sporca prima di partire! 😀

  11. Mi incuriosisce Kaunas, tra le foto di cibo e di funicolari su Twitter, e questo articolo. Faccio una figuraccia se ti dico che non ne avevo mai sentito parlare? Comunque la fissa per i fazzoletti ce l’ho pure io Ti abbraccio e aspetto i tuoi racconti al ritorno

    • Alessia vuoi la verità? Neanche io! 😛 Conoscevo Vilnius la capitale ma Kaunas l’ho notata solo da quando Ryanair ha inserito questa nuova rotta da Napoli. E da lì è diventato un tarlo, un chiodo fisso che finalmente ho “piantato”!
      E si è rivalata un’ottima scelta! 😉
      A presto :*

  12. Nooo vabbè ma che figata tutto il corredo firmato Orsa! Oh, lo voglio pure io!!!! E poi altro che barbona, con quello stile da Indiana Jones! Neeee, non sono proprio d’accordo.
    Anche io faccio scorta di fazzolettini di carta, non si sa mai. E per quanto riguarda la Reflex… la compatta non mi ha mai dato tutti quei problemi di sbagliata messa a fuoco. E certe foto non erano male. Insomma, quando deciderai di comprarla, sappi che ti toccherà studiare almeno un po’ il manuale.
    Baci sorella Orsa.

    • Ciao Tizzi! E intanto per paura di morire di freddo alla fine prima della partenza ho optato per un altro giubetto (quello della foto con il bufalo) e sono morta di caldo! Facciamo il club dei millemila fazzolettini?! 😀
      Stu-che? Allora la reflex la compro quando si autoimposta da sola e ti fa pure il caffè. Allora e solo allora saranno soldoni giustificati per una reflex! 😉
      Bacioni sorella in valigia!

  13. Devo dire che è durissima resistere alle lusinghe del low cost! A luglio (spoiler) andrò con una mia amica a Sofia, e pensare che dovevamo andare a Madrid! Ma come si fa a resistere a un volo che a/r costa 35 euro?!?!?!? Non si può! Mia cara Orsa lei è una professionista del bagaglio a mano! Ultimamente sono migliorata tanto anche io, viaggio proprio con lo stretto (ma proprio stretto stretto) indispensabile, e sì. ti confesso che anche io porto tonnellare di fazzoletti, non sia mai non li trovassi! 😉

    • Verissimo come si fa?! Sti lowcost tentatori! Sofia è un bel colpaccio: a quanto ho letto ingiro è una meta molto lowcost anche per quanto riguarda il soggiorno e il cibo! Quindi tornerai da Sofia con più soldi di prima e soprattutto con più fazzoletti di prima hahahahah 😀

Rispondi