Mangiare un panino in un container? Si può da Cargo Burger!

https://i1.wp.com/media-cdn.tripadvisor.com/media/photo-s/08/23/03/3f/burger-bar.jpg?resize=667%2C375&ssl=1
L’impressione è proprio quella di entrare in un grosso container, di quelli stipati sui cargo mercantili.
Nient’altro che uno stretto spazio fra due palazzi, la parte frontale della porta di un container ed il gioco è fatto: non è un’idea geniale?!

Cargo Burger Bar è ubicato sul Corso Vittorio Emanuele di Salerno

Fra vetrine blasonate quali MontBlanc, Bata, Desigual o, più low cost come Terranova, entrando letteralmente in un container si può assaporare un gustoso panino “McSimil” ma, che fa il verso alle preparazioni gastronomiche più in voga negli ultimi tempi.
Le taglie dei panini si dividono in Baby, Lady, Man e SuperMan, dove a cambiare è la grammatura della carne.
A disposizione un nutrito “menù a tendina” distinto per categorie: pane, verdure, condimenti, formaggi, salumi e tante tipologie di carne/pesce!

Avete mai assaggiato il Green Bun?
Non è altro che un panino completamente verde, aromatizzato grazie alla presenza del rosmarino che viene incorporato nell’impasto!
Personalmente gradisco tantissimo il Whole Grain Bun, un panino realizzato con farina integrale: vi dico che è saporitissimo e croccantissimo a dispetto dell’altisonante, triste e dietetico termine”integrale”.

Non il solito McPane, credetemi!

Ma il menù spazia fra gustose grigliate di carne a leggere insalate, fino alle varie sfizioserie tex mex.

Il tutto viene servito in un rustico vassoio di alluminio (nonna-style) accompagnato da una piccola porzione di patatine fritte comprese nel costo del panino.
Molto ricca e particolare anche la carta delle birre. Ho assaggiato una birra affumicata dal sapore pazzesco.
E’ possibile sbizzarrirsi con gusto e fantasia abbinando le cose più improbabili&improponibili, stipandole nel vostro panino…facendone un vero e proprio container pieno di merci^^!


Ad esempio uno dei miei cavalli di battaglia è composto da una formazione d’attacco con modulo 4-4-2 che prevede: un succulento hamburger di filetto di tonno, peperoni verdi fritti, rucola, pomodoro, mozzarella di bufala (sì mozzarella!), cipolle e salsa BBQ.
Una squadra da serie A!
L’atmosfera è piacevole, rustica con un guizzo di modernità: la presenza di materiali quali legno, cemento e ferro è davvero godibile.
Unico neo: la sera, dopo una certa ora, si è costretti a fare “sala d’attesa” all’esterno, attendendo che si venga chiamati solo allorquando si sia liberato un tavolo.
Proprio come dal dottore!
Il target è molto vario: dagli adulti ai ragazzini molto piccoli.
Spesso ho purtroppo beccato intere tavolate chiassose di bimbiminkia (tutta la mia comprensione alle ragazze dello staff).

Ma è cosa superabile pur di mangiare un panino che, definirlo tale, è decisamente riduttivo!
In molti documentari del buon Piero Angela, ci viene mostrato come gli squali chiudano gli occhi nell’istante in cui azzannino la preda: in questo caso basta chiudere le orecchie, con buona pace dei bimbiminkia!
Le due ultime novità sono il livello superiore, accessibile tramite una scala in ferro, e l’aggiunta di alcuni componenti in salsa “vegan”al menù.
Il Level -1 a dispetto di materiali “freddi” quali ferro/cemento è decisamente molto intimo ed accogliente.
Le ampie vetrate danno direttamente sul passeggio pedonale del Corso, regalando un valore aggiunto a qualsiasi pietanza assaggiate.
Le novità vegan riguardano l’hamburger di Seitan (che ho provato ed è buonissimo) e la possibilità di comporre una vasta gamma di salutari zuppe.
Ricco anche il menù dei dessert: si spazia dalla pasticceria Marigliano a quella di De Riso. Se non vi volete fare eccessivamente “male” consiglio una monoporzione di Oreo CheesCake made in Cargo!
PS: Le foto dei panini cercatele sul web…io non riesco mai a scattarle (gnamm)!

18 pensieri su “Mangiare un panino in un container? Si può da Cargo Burger!

  1. Ho appena finito di mangiare ma un Green Bun ci starebbe ancora! Davvero un'idea originale per un locale: una via di mezzo tra una paninoteca e un food truck. Un altro motivo per venire a Salerno 🙂

  2. La nostra cucina si presta benissimo ad essere rivisitata in chiave U.S.A. anzi, credo che gli dia un valore aggiunto, proprio di qualità come dicevi tu!
    Ma non puoi capire lo stupore quando hanno aperto! Praticamente sto' locale sta fra due palazzi! 😉
    Grazie per la visita Elisa!
    Daniela

  3. Meno male che abbiamo letto questo articolo dopo pranzo. E nonostante tutto ci hai fatto venire una gran voglia di arrivare fino a Salerno solo per provare uno di questi panini. Maledizione, il cibo cosa non è!!!!
    Simpatiche le idee e le iniziative, anche se immagino tutti gli uomini che, magari quella sera non avendo fame, si ritrovano a dove ordinare per forza un “man” o “Superman” perché ordinare “un lady per me e per la mia signora” suona troppo in stile “The Danish Girl”. Ahaha
    Davvero un bel posto, subito annotato!
    Un bacione Daniela! 🙂

  4. E' veroo! Le espressioni divertite dello staff quando un uomo ordina un “Lady” sono da antologia!
    Quante volte il mio Orso, pur non avendo una fame da lupi, ha dovuto per forza ordinare il Man piuttosto che il Lady!
    Ma sapete che il panino in versione “The Danish Girl” è davvero una gran bella idea?
    Sì, è proprio da suggerire!
    Come sempre, grazie ragazzi! 😉

  5. Ciao benvenuta sul Carro! 😉
    Salerno è capolinea dell'Alta Velocità di Italo e Frecce!
    Chissà, un giorno potresti programmarci un viaggio!
    Grazie per essere passata!
    Daniela

  6. Questa è una vera e propria chicca, wow! Fantastica la varietà del menù e la possibilità di mixare gli ingredienti, anche vegan. Il posto poi è… O_O! Ecco, adesso voglio venire a Salerno. >_<

Rispondi