GustaMinori: cibo, arte e Costiera Amalfitana

minori1

Il tempo che quest’anno è passato fra le festività di Natale e quelle di Pasqua, è stato qualcosa di simile ai secondi che passano fra quando scatta il verde a quando il cretino dietro suona furiosamente il clacson.
Il tempo passa cari miei!
Con questi presupposti l’arrivo di settembre è un attimo!
Ed io, personalmente, non vedo l’ora. Il perchè è fra queste righe in basso.

Minori, contrariamente a quanto esprime il  suo nome, è una fiorente cittadina situata proprio al centro della Costiera Amalfitana, crocevia di arte, cultura e gastronomia. Nota già all’epoca romana come location di otium e riposo, “Regina Minor”, oltre alla mitezza del clima ed alla forza evocativa della sua ubicazione al centro della Divina, è attualmente nota anche per un evento artistico/culturale/gastronomico capace di catalizzare (e giustamente!) visitatori da tutta Italia.

minori2

GustaMinori, questo il nome della Kermesse, è un evento in cui per un’intera settimana settembrina, Minori sfodera il meglio della sua ospitalità, gastronomia e tipicità del luogo, intrattenendo il visitatore con spettacoli, mostre e tanta arte.
Diversi e motivati sono i partner che, sulla scia di crescenti consensi, hanno rinnovato la loro adesione. Fra questi: Enti del turismo, Regione Campania, Consorzio di Gragnano e, non ultimo, il Giffoni Film Festival!
GustaMinori rappresenta una “vacanza ideale” per qualunque turista: si sviluppa infatti in diversi angoli della cittadina costiera, lungo un percorso in cui si viene invitati a scoprire gli antichi mestieri, spettacoli folkloristici e a gustare la buona tavola della costiera amalfitana con i sapori della sua tradizione.
Le tante piazzette del centro storico e del lungomare si animano e si trasformano letteralmente in teatri e osterie all’aperto, il tutto mentre attori e figuranti mettono in scena rappresentazioni di miti e leggende in un vero e proprio set cinematografico diffuso.
Se dovessi riassumere la mia esperienza in poche parole direi di aver percorso una suggestiva “via dell’arte e del palato“.

Ogni edizione di GustaMinori ha un suo tema portante che fa da filo conduttore durante tutta la durata della Kermesse.
E’ proprio partendo dal tema che il menù viene elaborato, grazie alla maestria di chef e illustri pasticcieri, in modo tale che il visitatore si immerga totalmente nella storia o nel mito protagonista. La storia narrata di quest’anno aveva come protagonista Masaniello, l’eroe dell’insurrezione napoletana del 1647 contro il malgoverno borbonico.

Masaniello nasce e more ogni juorne dint’ ‘o core

“Masaniè” è stato infatti lo spettacolo itinerante che ha allietato le serate della cittadina, attraverso l’esposizione di veri e propri “quadri animati” nel bellissimo centro storico di Minori.

Come dicevo prima, lungo il percorso abbiamo potuto scoprire l’artigianato locale attraverso una vera e propria rievocazione storica di antichi mestieri. In improvvisate botteghe all’aperto abbiamo visto fabbri, falegnami, ceramisti, donne che ricamavano e tessevano ed i famosi cestai che intrecciavano sapientemente sporte ed oggettistica in vimini.
Altro spettacolo è stato assistere alla produzione della pasta fatta a mano: c’era davvero da incantarsi a guardare le donne che facevano “nascere” letteralmente sotto i nostri occhi trafile di pasta quali fusilli, làgane o i tipici “ndunderi”.
Il tutto intervallato dagli “atti” dello spettacolo inscenato dai bravissimi attori.

Le vie del Palato hanno letteralmente aperto battenti dalle 19,30 offrendo una degustazione di prodotti locali, rigorosamente all’insegna della Dieta Mediterranea: le locande, i bar, i ristoranti e le pasticcerie di Minori hanno proposto una pietanza ciascuno, permettendoci di comporre un menù personalizzato, passeggiando&gustando fra le stradine del centro storico!
Fra i meravigliosi prodotti locali anche il tipico limone “sfusato amalfitano“, di cui proprio Minori può vantare un’eccellente produzione e commercializzazione.

E’ proprio dal suo aroma, infatti, che si ricava in modo rigorosamente artigianale il limoncello della Costa d’Amalfi.

minori4

minori5

E poi ancora i ricchi formaggi dei Monti Lattari quali mozzarelle, caciocavalli e provole affumicate.

Menzione d’onore per il  pesce azzurro con la tipica e gustosissima “colatura di alici” oppure le  acciughe salate e marinate.

E poi loro i golosi prodotti della pasticceria locale: un ricco e goloso menù di dolci quali pastiere, zeppole di Natale, dolci al limone etc.

Chi di noi non conosce Sal De Riso, il pluripremiato Maestro pasticciere spesso ospite di numerosi programmi televisivi?! Sue sono le “delizie al limone”, dolce che rievoca nel nome e nel gusto, tutto l’incanto della Costiera Amalfitana!

minori6

Dagli aperitivi ai primi, dai secondi ai contorni passando per panini, “cuoppi” e dessert, GustaMinori è una Kermesse completa in cui verrete coinvolti in una passeggiata sensoriale che cattura vista, udito, tatto e, soprattutto, il gusto!

Noi abbiamo raggiunto Minori da Salerno grazie ai comodi battelli messi a disposizione dalla TravelMar, con partenze alle 17:10 e 20:30 e rientro alle ore 1:00.
I battelli salpano giornalmente e, per tutta la durata di GustaMinori, dal porto turistico di Piazza della Concordia al costo di soli € 8,00.

minori7

Traghetti giornalieri TravelMar

Sono curiosissima di sapere quali saranno i temi e i menù dell’edizione 2016!
Esiste una danza propiziatoria affinchè arrivi presto settembre?
PS: le immagini sono prese dal web: come sempre, quando si parla di “mangiatorio“, non riesco mai a produrre scatti miei!

10 pensieri su “GustaMinori: cibo, arte e Costiera Amalfitana

  1. Ma questo proprio fa proprio per me! Sono stata sulla Costiera Amalfitana anni fa, in uno di quei viaggi con il mio capo, per cui gli unici ricordi che ho sono delle corse forsennate lungo stradine strette e soleggiate, parlando al cellulare per confermare l’appuntamento successivo, correndo dietro al capo per non rischiare di essere lasciata indietro! Devo decisamente rimediare 😉

    • E allora organizza un fine settimana Chiara!
      Mi dispiace per il fallimento di “Operazione Bruges”
      Questi posti sono romanticissimi, potrebbero essere una piacevole e “italianissima” alternativa! 😉

      • Un fine settimana mi viene davvero difficile, mi piacerebbe almeno un 4-5 giorni. Marco non c’è mai stato e mi piacerebbe esplorare tutto con calma. Secondo te è possibile senza macchina, affidandosi solo ai mezzi pubblici?

        • Possibilissimo! Se stabilite la base a Salerno è facilie raggiungere il lato Amalfi/Positano (golfo di Salerno) tramite collegamenti giornalieri con traghetto oppure con autobus. Percorrere i paesini della costiera in autobus è carino…se non soffrite le curve. Ma, con il traghetto, è ancora più bello! E non è neanche eccessivamente costoso. Dai un’occhiata qui:
          http://www.travelmar.it/it/orari
          Per il lato Sorrento (Golfo di Napoli) ti conviene alloggiare invece nei pressi di Napoli.
          Positano e Amalfi meritano sicuramente una visita (e una mangiata)!

          • Non sapevo dei collegamenti via traghetto, grazie! Mia sorella l’estate scorsa è stata in appartamento ad Amalfi, con l’idea di affittare un gommone per raggiungere le varie calette e spostarsi un po’, ma i prezzi erano del tutto proibitivi. Infatti punterei sul mezzo pubblico: ho la fortuna di non soffrire neanche le curve 😀

          • Beata te Chiara, io soffro anche il triciclo. Infatti viaggio con un rimorchio pieno di Xamamina!
            Verissimo, i costi dei taxi-boat si avvicinano a quelli di un volo transoceanico di una compagnia low cost! XD
            Ciao!

  2. La costiera io la ricordo soprattutto per le tantissime curve in macchina e la mia conseguente nausea! Ahaha
    Ero abbastanza piccola e ancora non ero poi così interessata al viaggio.. Quindi un paio di sbuffi di qua e due sventolate per il caldo di là ho eliminato tutti i ricordi ! Ti seguiremo volentieri alla scoperta di questa terra.. Anche se detto tra noi speriamo che settembre non arrivi TROPPO in fretta perché ci tocca il tirocinio universitario e non è cosa piacevole ! Ahaha
    Un bacione

    • Stavo per dirti “e allora vieni via mare” ma credo che la nausea sia la stessa hahahah!
      No che non viene subito settembre! C’è tutta l’estate per viaggiare e per vivere tante belle esperienze!
      In bocca al lupo per il tirocinio e non studiate troppo! E’ scientificamente provato…fa male alla salute!

Rispondi