Come arrivare a Cracovia: ecco alcune info utili

orsa-cavalli

Dialogo fra due cavalli in Piazza Rynek Glowny, centro di Cracovia:

-Psss…hey Kripstak! Attenzione a ORE-DUE la vedi quella lì: mora, anfibi e tipica faccia da stalker di cavalli?
-Si Petrektek la vedo.
-Prevedo rogne Kripstak, vedrai adesso si avvicinerà per infastidirci.
-Oddio Petrektek, mi sta guardando…ho paura che facciamo?
-Calmati Kripstak staiserena niente panico, non darle confidenza e non ti accadrà nulla, capito Kripstak? Ohhh Kripstak mi stai ascoltando….?

“Macciao! Puccipucci bel cavallino ma quanto sei bello! Vieniqui Machebelmusetto…

…quant’ sì bbèll!”

In realtà non è che sia così esaurita però è vero: qualsiasi animale io veda per strada lo devo avvicinare. Prima o poi lo so, verrò castigata con qualche morso, graffio o calcio.

orsacavalli

Cecco da Firenze mentre subisce un mio stalking

Il mio viaggio a Cracovia ha confermato il grande fascino che l’Europa dell’Est esercita su di me. Ho avuto modo di constatare ed apprezzare l’efficienza dei trasporti, la gentilezza dei polacchi e il garbo nel fare accoglienza. Anche il modo di fare bisboccia mi è piaciuto tantissimo, ho ancora nelle orecchie i canti tradizionali in piazza!

Cracovia è una città giovanissima: il fatto che sul suo territorio ci siano diverse università (in una delle quali ha studiato Copernico) fa sì che nei locali, nei negozi, per strada e dappertutto ci siano tantissimi ragazzi. E turisti ovviamente (ho incontrato una marea di italiani).

Prima di parlarvi di cosa vedere, cosa mangiare (oddio sto ancora digerendo i Pierogi) e dove dormire a Cracovia, vi passo due info utili in caso vogliate organizzare un finesettimana all’insegna del low cost: in totale (volo EasyJet + 3 pernottamenti) il viaggio ci è costato soli 180 Euro!

hai-voluto-la-neve

L’aeroporto di Cracovia-Balice-Giovanni Paolo II è molto raccolto, il nuovo terminal collega l’area degli arrivi alla stazione che in soli 20 minuti vi porterà nel centro di Cracovia.
Ho preferito il treno all’autobus perchè assolutamente più veloce. Costo 8 Zloty a persona (circa 1,80). Il biglietto si può acquistare online come ho fatto io su questo sito, oppure presso le biglietterie automatiche sui binari oppure ancora a bordo.
In caso scegliate quest’ultima opzione mi raccomando, appena saliti sul treno cercate immediatamente il controllore, non aspettate che passi lui da voi! Le regole in Polonia sono molto rispettate e le trasgressioni severamente punite.

Per acquistare il biglietto online ho dovuto inserire gli estremi del mio passaporto e infatti il controllore ha puntualmente chiesto di vederlo (per fortuna che l’ho portato con me anche se la Polonia è nell’area Schengen). Ho acquistato online anche i biglietti per l’autobus diretto ad Auschwitz su questo sito. In omaggio ho anche ricevuto 4 audiolibri da scaricare su Audioteka.com

galleria-commerciale2

La stazione di arrivo sbarca direttamente in uno dei centri commerciali più belli e sciccosi che abbia visto: la Galeria Krakowska.
Piani e piani di luci, vetrine addobbate a festa e profumini invitanti di dolci tipici. La gente è tantissima e verrete quasi travolti! Seguendo le indicazioni attraverserete per forza TUTTA la galleria commerciale fino ad uscire dall’ingresso che dà sui primi mercatini di Natale della città.

galleria-commerciale
Salsiccia, krauti, vin brulè, slitte in legno e fiumi di vodka vi daranno il benvenuto. Anche il freddo vi darà un “caloroso” benvenuto!
Da lì un sottopassaggio vi porterà direttamente dinanzi alle vecchie mura che cingono il centro storico di Cracovia.

ingresso-cracovia

porta-cracovia

Passando sotto la Porta Florianska entrerete nella centralissima via omonima con negozi, locali, franchising internazionali e tanta tanta vita a tutte le ore del giorno. I Kantor (gli uffici di cambio) sono dappertutto ma io per evitare fregature col tasso di cambio ho preferito prelevare gli Zloty direttamente al bancomat dell’aeroporto.
In ogni caso il cambio Euro-Zloty per noi è molto favorevole, basta pensare che uno Zloty (non ha un nome simpaticissimo?) equivale a circa 0,25 centesimi di Euro, quindi per farvi un rapido conto basterà dividere tutto per 4.

Ad ogni modo le carte dei principali circuiti sono accettate ovunque.
Via Florianska termina in quella che è la piazza medioevale più grande d’Europa, Piazza Rynek Glowny o del Mercato Vecchio.

skyline
Quasi perfettamente quadrata, questa piazza dal mood veramente medioevaleggiante, è attraversata longitudinalmente dall’edificio del Mercato dei Tessuti che oggi ospita delle bellissime botteghe in legno.

Se vi trovate in piazza in prossimità dello scoccare dell’ora (qualsiasi ora) alzate gli occhi alle torri della Basilica di Santa Maria, un trombettista intonerà una melodia che all’improvviso si spezza e si zittisce in modo anomalo. E’ la trasposizione del ricordo di quando nel XIII secolo la vedetta venne trafitta alla gola dalla freccia nemica proprio mentre tentava di dare l’allarme dell’imminente invasione dei Tartari.

orsa-was-here

Orsa was here

Attualmente la parte anteriore della piazza è occupata dai mercatini di Natale con tanti prodotti di artigianato tipico, mentre ciascun lato della piazza è tempestato di ristoranti, locali, cioccolaterie e trattorie dagli interni tutti pazzeschi: c’è solo l’imbarazzo della scelta! Ah, a quanto pare involontariamente sto seguendo le orme di Goethe: ho incontrato i segni del suo passaggio anche qui.

Ho pernottato in pieno centro storico a pochi metri dalla piazza principale, le pensioncine sono tante e tutte molto economiche ma, se volete una sistemazione decentrata, la rete capillare del tram serve gran parte della città.

I biglietti costano pochissimo ed è anche possibile acquistare la KracowCard il classico pass turistico che include spostamenti e ingressi. L’inglese è parlato dappertutto (poi un giorno vi racconterò delle mie figure di merda a causa della mia scarsa padronanza) e gli uffici turistici sono dislocati in vari punti della città.

skyline2

Ho trovato Cracovia davvero bella, d’altra parte per via della presenza di un ricco patrimonio storico è considerata la Capitale Culturale della Polonia! A parte le bellezze architettoniche mi è sembrata parecchio viva (ma non turistica nell’accezione negativa del termine), frizzante, cosmopolita e assai economica.

A riprova vi dico solo una cosa: avendo acquistato tutti gli spostamenti online prima di partire, all’ATM dell’aeroporto ho ritirato “solo” 1000 Zloty (l’equivalente di 220 euro) che mi sarebbero serviti per cibo, ingressi e souvenir. Sono riuscita a tornare a casa con 200 Zloty, circa 45 euro!

Per finire 4 consigli salvavita:

l’escursione termica fra gli esterni e gli interni di locali e attività commerciali è da infarto. Prima di partire sognavo di trovare la città imbiancata dalla “NeeevaH” ed effettivamente l’ho trovata ed assaggiata… Ragazzi c’era un vento freddo pazzesco che mi ha freezzato la compatta per un giorno intero. Quindi copritevi e coprite anche la vostra attrezzatura!

In merito al cibo vi consiglio di atterrare in Polonia con una pregressa dieta di almeno 15 gg. Il cibo polacco è buonissimo ma molto calorico e pesante, forse proprio per far fronte alle conseguenze del punto 1. Includete un intero spaccio di Citrosodina nella dotazione del vostro bagaglio.

A proposito di bagaglio partite lasciando spazio per i souvenir. Il mio essere profugo-inside mi costringe a partire sempre con solo bagaglio a mano, privandomi della felicità di portare ricordi un po’ più voluminosi: ho visto dei cappottini e dei colbacchi meravigliosi che ancora rimpiango. Ma LEI, il simbolo delle simpaticissime bisbocce dell’Est, sono riuscita a portarmela a casa! 😛

La luce. Sembrerà strano ma, a dispetto della latitudine, a Cracovia fa buio molto presto tipo le 15:30. La percezione della luce ha stravolto completamente i nostri programmi e la cosa è stata confermata anche confrontandoci con altri turisti italiani. Il mio consiglio dunque è di affrettarsi a fare i migliori scatti di mattina!

bisboccia

“Bisboccia Flask”

Nei prossimi post vi parlerò di cosa mangiare e cosa vedere nei dintorni di Cracovia, tra cui le stupefacenti Miniere di Sale e la toccante visita ad Auschwitz.

44 pensieri su “Come arrivare a Cracovia: ecco alcune info utili

  1. Dev’essere graziosissima Cracovia! Tra poco partirò anche io per la Polonia (meta Varsavia, però) e sono curiosa di assaggiare i pierogi, ma dopo aver letto il tuo racconto mi sa che converrà portare un digestivo! 🙂 Se sopravviverò al freddo, ti saprò dire le mie impressioni! 🙂

    • Ciao Serena i pierogi sono letali soprattutto nella versione fritta haahha! E’che le porzioni sono davvero abbondanti, almeno a Cracovia 😀
      Che bello Varsavia *_* ti seguirò con piacere! Fa buon viaggio e a presto 😉

  2. Bentornata! Sai, per domani ho inserito nel calendario proprio un post su Cracovia, città visitata la settimana scorsa 😀 ma racconterò di un tour particolare, per ora non anticipo nulla! Anche a me è piaciuta parecchio e anch’io ho digerito i buonissimi pierogi il giorno dopo! Confermo la low-costaggine: bus da e per Budapest+1 notte in ostello+pranzi r cene+vodka per fidanzato = meno di 40 euro, un sogno!

    • Che soddisfazione viaggiare spendendo poco eh! A casa quasi non ci credevano!
      Ho letto del tuo tour, davvero interessante visitare una città sotto l’aspetto delle leggende metropolitane del posto! 😉
      A presto Giulia!

  3. Bentornata Dani!
    Allora, mentre sono in ufficio a mangiare taralli alle 8.32 della mattina commento il tuo articolo come sempre simpaticissimo e super utile :

    1- ma che bella che sei in quella foto di firenze anche se di spalle, ora vogliamo vedere la faccia!!! 😀
    2 – mi hai fatto venire una mezza idea di controllare i voli e gli alberghi per il 2017! Cracovia sembra essere bellissima e vorrei visitare tantissimo sia le miniere di Sale che quel pugno allo stomaco che è Auschwitz!
    3 – devo dire che sono molto furbi oltre che cordiali : far arrivare la stazione dentro ad una galleria commerciale così da invogliare subito i turisti a fermarsi per un pasto o qualche spesa è una scelta TOP a mio avviso, anche se moooolto commerciale. Ci hanno visto lungo!
    4 – Carinissima la foto con “ORSA” scritto nella neve, immagino il freddo però! A praga non sembra nevicherà, ma le temperature si aggireranno intorno ai -4 quindi…….. mi preparo psicologicamente a questo dramma!

    Aspettiamo gli altri articoli! <3

    • Ciao ragazzi sarete in viaggio ora? *_* Non preocuparti per il freddo Lou, il centro storico di Praga è protetto dagli edifici (bellissimi edifici), forse solo il Ponte Carlo troverai un po’ ventoso! 😉
      Come dici tu il centro commerciale in stazione è il TOP! E TOP sono anche i taralli alle 8 in ufficio! 😀 Mo mi hai fatto venire voglia, vado in dispensa a vedere che c’è!
      Grazie per i complimenti e buon viaggio! <3

  4. Appena ho finito di leggere sono andata su Google Flights: nessun volo da Torino per il momento ma Easy Jet da Milano è abbastanza conveniente e con degli orari cristiani per chi arriva da lontano come me. Avevo in mente Amsterdam o Bruxelles per Pasqua o per il ponte del 25 aprile ma Cracovia le ha superate di gran lunga dopo questo post!
    Magari verso marzo-aprile le temperature sono anche meno rigide.
    Bellissima la storia della vedetta trafitta: molto triste ma con quel tocco di mistero che la rende affascinante.
    Ho smesso di ridere verso la fine del post, non riuscivo a togliermi dalla testa l’immagine di Orsa-stalker ovvero la donna che sussurra ai cavalli 😉
    Buona giornata 🙂

  5. Guarda, proprio stamattina, sfogliando una rivista di viaggi, sono arrivato a Cracovia ed ho pemnsato che potrebbe essere la meta natalizia dell’anno prossimo e poi mi trovo questo tuo racconto. Direi che è il segno che aspettavo 🙂
    Per quanto riguarda il buio, è normale, più si sale a nord, più sono corte le giornate (così come sono molto più lunghe delle nostre d’estate). Però sì, bisogna regolarsi.
    La cucina del centro europa è un po’ tutta così. A noi ora attende la Germania,Dresda. Vedremo 🙂

    • Coincidenza! Dai e allora dovete organizzare!
      Ah, quindi per il buio ero in errore! Pensavo che fosse tutto l’anno così! (con giornate lunghe intendo) 🙁
      Buonappetito a Dresda! 😉

  6. No, vabbè. Che pizza che fa buio presto! Ma poi la neve! Credo che potrei diventare Elsa di Frozen, si, però dopo che è stata ibernata. Non credo potrei gironzolare per strada con il freddo. Purtroppo divento viola (quindi potrei interpretare la sorella di Elsa in fase di congelamento).
    Comunque deve essere bella Cracovia e davvero hai speso una fesseria.
    Ora aspetto il racconto triste, quello sul campo. Più tutte le curiosità e le solite risate che scateni in me.
    Baci!

    • hahahahh scusa ma siccome è ora di pranzo alla parola “viola” mi è venuta in mente la melanzana! 😀
      E’ vero che è freddo però una città dell’Est Europeo tutta imbiancata è fantastica, credimi! Te lo dico ora, al calduccio davanti al pc 😉

  7. Wow, ma quando sei tornata? Sei stata velocissima a scrivere questo post! O sono io lenta? D:
    Oddio hai trovato davvero la neve! *_____* Secondo te è esagerato comprare i pantaloni da montagna per andare a Varsavia? Ci sto facendo un pensierino, ho paurissima del freddo che troverò!
    Poi volevo chiederti come avevi cambiato i soldi ma mi hai già risposto. A me è stato consigliato l’ufficio di cambio Kantor da un signore polacco. Credo che cambierò un po’ di soldi qui per non partire proprio senza niente, e poi proverò prima i bancomat. Aspetto il prossimo post!

    • Ciao Anna non ti conviene comprare il pantalone da montagna (amenochè tu non preveda di fare trekking in futuro e te lo trovi già).
      Io avevo un jeans e una buona calzamaglia termica da sotto…è stato un sacrificio perchè calcola che non uso neanche le maglie intime!
      In città credo che non avrai nessun tipo di problema, al limite vi chiudete in una cioccolateria a fare danni 😛 Se non tira vento il freddo è soppotabilissimo credimi!
      Se il tuo viaggio invece prevede escursioni all’aperto (con pioggia/vento/neve) io ti consiglio il k-way perchè anche i pantaloni da montagna si bagnano! E poi permettono libertà di movimento e scattare senza l’incombenza dell’ombrello.
      Non troverai nessun Kantor con una commissione uguale, onde evitare di impazzire a cercare quello più conveniente per te, preleva direttamente una somma all’aeroporto e per il resto paga con la carta! Però quando ti chiederanno come vuoi pagare con la carta inserita nel Pos, tu indica sempre in Zloty, perchè è più conveniente! Se hai altre domande chiedi pure! 😉

      • Sì, nel frattempo ho lasciato perdere il pantalone da montagna e ho comprato un po’ di intimo tecnico da mettere sotto. Sto tenendo d’occhio le temperature giorno dopo giorno e alla fine non sono così basse, e non prevedo nulla che somigli al trekking!
        I soldi alla fine non potrò nemmeno prenderli qui, la mia nuova banca non prevede questa opzione e quindi dovrò partire senza zloty, in preda all’ansia totale. Spero vada tutto bene -_____-

        • Non ti preoccupare Anna, andrà tutto bene! 😉
          In caso dovessi trovare code all’ATM dell’aeroporto preleva in un centro commerciale o similare, evita quelli per strada. Cambia all’eroporto giusto il necessario per arrivare in centro con i mezzi pubblici, il resto lo prelevi in città!
          Per l’intimo termico hai fatto benissimo!
          A presto!

  8. Ma che bella che è Cracovia! Quando lavoravo al bar veniva sempre una signora e chiacchierava per ore… una volta mi fa “A Và vai a Cracovia che costa pochissimo, noi ci sfondavamo tutte le sere a un ristorantino vicino l’albergo a due soldi!” Cavolo, da quanto mi confermi anche tu è davvero economica! Ora però voglio leggere del cibo, gia sbavo! La bassa temperatura per me sarebbe solo una scusa per mangiare di più.. sai come si dice… il freddo apre lo stomaco! 😉

    • Verissimo la signora aveva ragione! In due con diverse portate non abbiamo mai speso più di 25 Euro…pure con dolce finale!
      Se è vero che il freddo apre lo stomaco…i “pierogi” lo chiudono a tenuta stagna!
      Se mi facessero una gastroscopia ora, li troverebbero ancora lì a ballare la samba! 😀 😀

  9. Ma a te piace viaggiare proprio con il freddo eh! L’anno scorso ricordo di averti raccomandato a non finire con Praga e stavolta Cracovia.
    Però una cosa devo dirla: quant’è bellina!!!
    L’unica fregatura è il buio che arriva decisamente presto per i miei gusti.

  10. L’Europa innevata è sempre uno spettacolo, anche se immagino il freddo!
    Non vedo l’ora di andarci anche io (grazie EasyJet…tra poco urge uno shopping sfrenato!)..e sai una cosa? Nel mio bagaglio c’è sempre qualcosa per l’indigestione: Citrosodina, Bicarbonato, Brioschi…per cui Cracovia, a me mi fai un baffo!!! prrrr
    Bacio! :*

    • Hhahah e io non vedo l’ora di poter mettere le mani su un boarding pass Ryan! 😉
      Vero, l’Europa soprattutto quella dell’Est, con la neve ha un super fascino, per me è irresistibile!
      Ah guarda, quelle non devono mai mancare nel bagaglio, prima ancora del pigiama! 🙂
      A presto e buon viaggio! :*

  11. Anch’io prima o poi mi beccherò una zampata da qualche animale…a parte i cavalli, dei quali ho una paura folle, li avvicino tutti, con tanto di vocetta smielata Pucci pucci, come hai scritto tu… Ahahahah! Questa grossa lacuna che ho nei confronti dell’est europeo.. dovrò colmarla prima o poi…Cracovia mi sembra perfetta per un weekend veloce ed economico…magari in primavera (?) Ciao Dani, buona festa!

    • Assolutamente perfetta in primavera! Così potrai cominciare a fare pratica ad avvicinare anche i cavalli polacchi. Li troverai ancora buoni buoni e intontiti a smaltire il mio stalking…approfitta! 😛
      Buone festività anche a voi, un bacio a Sami!

  12. Hai ragione Orsa, Zloty è proprio un nome tanto simpatico!! M’ispirano tantissimo Cracovia e tutta la Polonia, me la segno già come possibile meta per il prossimo anno, soprattutto perché con questi costi invoglia molto!! E poi non vedo l’ora di provare i Pierogi (a proposito, aspetto il tuo post sul cibo)!!
    Un abbraccio 🙂

    • Tanto buoni quanto letali Agnese!
      Il tuo stomaco che modello è? Del tipo Mitsubishi oppure Fiat? 😛
      Scheeerzo basta non esagerare con le portate! 😉
      A presto!

  13. Questa è una di quelle mete, insieme alla Romania, che mi attirano da tempo. Ho solo un problema: far salire mio marito in aereo più di una volta all’anno.
    Perciò per trascorrere qui il capodanno, dovrei rinunciare al viaggio estivo 🙁
    Sarà noioso a volte il matrimonio? Quasi invidio Petrektek (come cavolo si scrive?) stalkerata.
    Eppure vorrei riuscire a fare un tour simile, trovo che le città dell’Est abbiano un potenziale quasi esplosivo, una bellezza cristallizzata (si, lo so, non è divertente).
    Dei prezzi poi non parliamo…sono reduce da due piatti di pici in Toscana, che a momenti mi sono costati come il tuo volo. Volevo prendere i piatti come souvenir!
    A presto cara, tornerò a leggere delle miniere di sale che sogno di visitare dal 2005!
    Claudia B.

    • Ciao Claudia! Anche Orso all’inizio “faceva l’orso” in merito ai voli, ultimamente però secondo me ci sta prendendo gusto, motivato anche dalle offerte stracciate di cui usufruiamo. Ecco, prova con questa chiave (quella del low cost) forse tuo marito prenderebbe più volentieri un volo costato tipo 20 euro A/R no? 😉
      hahah Petrektek e Kripstak mi facevano morire a Zelig! 😀 Grazie per essere passata, le miniere di sale sono già online!
      W l’Europa dell’Est!

  14. Ciao Daniela! Scusa tanto, questo post me lo ero proprio persa!! Cracovia è una città che mi è piaciuta tantissimo. Qualche anno fa, facevo ancora le superiori, ci andai in gita per partecipare al viaggio della memoria. Un viaggio pesantissimo che vide l’alternarsi di momenti di tristezza infinita, legati alle visite dei campi, e momenti di felicità passati nei caldi locali della città. Vorrei tantissimo tornare a Cracovia, allora non possedevo nemmeno il blog, perché mi ha lasciato un ricordo bellissimo di una città, come dicevi tu, giovane e universitaria in cui passare del tempo di qualità. Penso che dopo aver letto questo post, e sopratutto quanto poco hai speso ;), la metterò tra i traveldreams del 2017!!
    Un bacio e a presto :)!

    • Ciao Veronica hai detto proprio bene “passare del tempo di qualità”!
      E’un piacere quando un viaggio organizzato con pochi soldi riesce anche bene! Dovrebbero essere tutte le destinazioni così accessibili!
      Grazie per aver lasciato le impressioni dei tuoi ricordi!
      A presto 😉

Rispondi