Sliding Doors

sliding-doors-1

Una perfetta sintesi fra il meglio degli Addams ed il peggio dei Simpson: questi sono Mamma Orsa e Papà Orso. E come se non bastasse i miei genitori appartengono alla categoria degli irriducibili, si accontentano di sfinirsi con 15 ore di viaggio piuttosto che prendere un aereo o un treno veloce.
Mamma, guarda che per “Frecce” non s’intendono le Frecce Tricolori…tranquilla, non decollano!

Mio padre è un complottista convinto. Sarebbe capace di attribuire l’accidentale pestata di un escremento di cane per strada nell’ordine a: Equitalia, alla P2 oppure ad un effetto collaterale delle scie chimiche. Mia madre invece è una sorta di Pocahontas hippie: lei si taglia i capelli solo se giove è in acquario, non prende medicine e si cura con decotti di semi e bacche.
Io confidenzialmente la chiamo: Sciamamma.

Proprio ieri sera li ho accompagnati alla stazione per imbarcarli su un intercity notturno diretto in Piemonte: un ViaggioDellaSperanza al quale eravamo stati invitati anche noi, e al quale ho gentilmente detto no, adducendo la convincente motivazione: “Mamma, devo fare ancora le lavatrici di Malta“… 😛
Sapete come io adori i treni tuttavia ritengo che, in caso si soffra di qualche forma grave di autolesionismo, ci sono tantissimi modi più fantasiosi ed efficaci per procurarsi del male.
Ad ogni modo io e Orso saliamo a bordo per aiutarli a sistemare i bagagli nella cabina. Li ricordate quei vecchi vagoni con il corridoio laterale e gli scomparti sul lato opposto con la porticina?
Si, proprio quei treni che utilizzavano i meridionali nel secolo scorso per migrare nell’Italia settentrionale. Perfetto: il viaggio della speranza NEL treno della speranza!

Per fortuna li hanno attualizzati con un qualcosa di vagamente simile all’aria condizionata altrimenti, considerando quel caldo pazzesco, avrei trascinato via mamma Orsa e papà Orso di forza.
A meno di 10 minuti dalla partenza, dopo i saluti, i convenevoli, le raccomandazioni e dopo le mie riottose rimostranze al bacetto di mammà, finalmente facciamo per scendere dal treno.
All’improvviso con un rumore sinistro le porte si chiudono contemporaneamente in tutti i vagoni.
Nessuna leva, nessun bottoncino e nessuna maniglia dava segni di vita.
Tutto questo mentre la motrice si metteva in moto e i miei, tipo gli anziani davanti al cantiere, continuavano a ripetere con la verve di un docente universitario: “Schiaccia quel bottone, tira quella leva, ma prova a ruotare di 180° quella maniglia…”
E mò?
Per fortuna che in quella carrozza c’era l’ufficio (leggi lo sgabuzzino) del capotreno; lo chiamiamo e gli indichiamo le porte che non si aprono.
Niente, diversi tentativi (con chiavi e chiavistelli da cassetta degli attrezzi vittoriana) ma neanche lui riesce a sbloccare le porte.

20150201_163547
Io comincio a sudare freddo.
Il capotreno si attacca al telefono infuriato e comincia a cazziare tutti gli interlocutori che gli capitano a tiro. Mai, in vita mia, ho visto un capotreno così furioso!
Ma è al suono preoccupato delle sue parole: “Nooo, che abbiamo combinato!” che è stato il panico.
Il panico al pensiero di rimanere bloccata 15 ore in un treno IstitutoLuce-style e, soprattutto, il panico e il terrore di rimanere bloccata 15 ore con i MIEI!
Mi sono schiantata contro la porta battendo i pugni sul vetro urlando “Fatemi Uscire!” mentre specularmente la gente fuori batteva i pugni urlando “Fateci Entrare”!
Il treno in partenza, il capotreno furioso al telefono e fuori la gente impazzita che agitava i biglietti!
Un quadro di Dalì sarebbe stato meno surreale.

La cosa è andata aventi per almeno un quarto d’ora.

Il capotreno ad un certo punto sparisce nei corridoi urlando al telefono, io sudata e terrorizzata all’idea di abbandonarmi al mio atroce destino, dovevo combattere con in ordine: mio padre che argomentava come fosse tutto orchestrato ad arte per rubargli i bagagli, con il pensiero del grattino sull’auto che da lì a pochi minuti sarebbe scaduto e con mia madre che con un candore disarmante continuava a dire: “Visto? A quanto pare verrete con noi!”

MammArghhhh!

La mia mente già stava elaborando un piano per scendere a Roma o alla prima fermata utile, quando all’improvviso, con un altrettanto rumore sinistro, le porte finalmente si aprono: io mi fiondo fuori rischiando la vita perchè con uno scatto la porta si è immediatamente richiusa sfiorandomi le spalle!
Atterro sul binario travolgendo i viaggiatori furiosi che aspettavano di imbarcarsi, mi giro e vedo Orso con i miei genitori al di là della porta richiusa!
[Un pensiero cattivo attraversa la mia mente ma è talmente fulmineo che non riesco nemmeno ad accarezzarne l’idea…]

GILSJDBX-13872-kkYC-U10602540688254USF-700x394@LaStampa.it

3e14cbbdd22d9ccf66a35f93d6835446

A quel punto le porte, come se fossero impossessate, cominciano a sbattere aprendosi e chiudendosi da sole!
A terra capotreno, controllori e macchinisti urlano di non far salire nessuno ed il caos precedente si trasforma in delirio di livello SuperSayan.
Nel frattempo, con un balzo alla Lara Croft, Orso riesce a passare indenne alla ghigliottina della porta indemoniata e mi raggiunge a terra. Finalmente siamo liberi.
Liberi di sfottere e canzonare i miei dall’altra parte del finestrino.
“Questo è un brutto segno, scendete!”-faccio loro.
(lo so, a volte sono veramente bastarda)

Decido di rimanere ed aspettare fino a quando il treno parta, con il timore che lo sopprimano per via di questo strano guasto. Invece dopo altri 10 minuti di follia finalmente i tecnici riescono a domare le porte imbizzarrite e permetterne la partenza.
C’era una tale incazzatura generale ieri sera sul quel binario 1, che ho potuto avvertirla anche nel trillo del fischietto del capotreno.
Onestamente non so dire che fine abbia fatto tutta quella gente che aspettava di salire a bordo, so solo che il treno è partito con molto ritardo e che mi sentivo decisamente sollevata…

Esco dalla stazione e invio un Sms a mio fratello: Pacco spedito

bear-chills-in-couples-hot-tub---20150822003059509

Viaggiatori, e i vostri genitori come si comportano quando devono viaggiare, vogliamo organizzare una classe di recupero?
PS: Per scaramanzia ho aspettato che i boss fossero arrivati sani e salvi a destinazione, prima di pubblicare questo post!

Foto prese dal web.

49 pensieri su “Sliding Doors

  1. Che risate! L’hanno sentita la frase da dietro il finestrino? Io, invece, non viaggio più con mia mamma perché in aereo fa avanti e indietro alla ricerca dell’oblò perfetto da cui guardare il panorama.. a ciascuno i propri genitori particolari!

    • Hahah l’hanno capita eccome, così come hanno capito che il loro modo di viaggiare è vintage, scomodo e noioso…ma non l’ammetteranno mai!
      E come facevi a tener ferma tua madre in aereo?! 😀 😀

  2. La vicenda è comicissima, ok, perchè tu sai raccontarla in modo spassionato. Eppure mi ricorda quanto tristemente siamo arretrati. Io, dopo 5 anni di andi-rivieni per l’università, ne ho la nausea. Treni lenti, spesso in ritardo, mezzi scassati, musciti (sporchi)… quanto stiamo indietro! E costano! I miei genitori? Loro preferiscono l’autobus anche se anni fa ci spezzavamo in viaggi lunghissimi in auto. Solo recentemente hanno iniziato a prendere gli aerei… tutto merito della ormai famosa sorella. C’è solo un particolare… le mamme pugliesi usano riempire “a ciuccio” i bagagli. Fai conto che a me faceva partire sempre con la scorta di barattoli di sugo fatto in casa, tonno sott’olio anche quello fatto in casa, provole, perfino la bottiglia dell’olio (vabbè, a quella non ci avrei rinunciato). E con il limite di peso disposto dalle compagnie aeree? Qualche giorno il di più glie lo faranno pagare e lei, comunque, non avrà imparato la lezione. Punto e da capo!

    • Eh sai, anche le mamme campane riempiono a “ciuccio” le valigie, soprattutto quelle dei figli lontani!
      E un po’ di pasta al forno non la vuoi-a-mammà, che poi alle 10 di mattina ti viene fame e ti sciupi-a-mammà!
      Sono fantastiche le mamme del sud! 😀
      Al mio bagaglio mammaOrsa non deve neanche avvicinarsi per guardarlo che ci ho caricato la 380 Volt! ahahah
      Musciti è bellissimo, rende l’idea!

  3. Quanto ho riso da sola in ufficio, davanti allo schermo del computer! Mi hai fatto tornare in mente Fantozzi quando fa il viaggio in treno per non so più quale meta e si mette a urlare “fate spazio al Duca-Conte!”
    Comunque, anche mio padre è un complottista: qualunque cosa succeda, la colpa è di Monti. Mia mamma passerebbe il Folletto ovunque, ma in viaggio si comportano bene. Lo scorso anno li ho portati a Londra in un pub dove abbiamo condiviso il tavolo e una bottiglia con due ubriachi inglesi e si sono divertirti da matti

    • hahahah l’altra volta ti ho rievocato la gita dell’INPS, ora giustamente il viaggio in treno 😀 😀 le analogie col Ragionier Ugo continuano!
      Sto scoprendo dai vostri commenti che i vostri genitori non sono restii al viaggio in aereo, che bello!
      Sto seriamente pensando di fare una cosa: la prossima volta con la scusa di farmi accompagnare in aeroporto, compro a tradimento un biglietto anche per loro, fosse anche solo un Napoli/Roma! 😉

        • Sto pensando seriamente di farlo! Una volta in gioco non credo che si tirerebbero indietro. Basta dare il “LA”.
          Sai cosa, poi però ho paura che ci prendano gusto: il rischio è quello di ritrovarmeli nelle mie future 48h 😀
          Buon fine settimana!

  4. Io ho riso da Sciamamma in poi come una scema da sola.
    Meno male che nessuno mi ha sentito o avrebbero pensato che il caldo mi ha fatto uscire completamente di testa!!! ahahah
    Questa è davvero una scena da film, non so perché mi è venuto in mente il film DUPLEX con Ben Stiller e Drew Barrymore, non chiedermi perché! davvero non lo so!
    Però ho immaginato la disperazione nei vostri sguardi all’idea di dover rimanere chiusi lì dentro e la calma dei tuoi genitori che – pronti al viaggio della speranza – non percepivano il terrore vero che ha pervaso la tua mente in quei lunghissimi minuti! ahaha
    I miei genitori non farebbero mai un viaggio del genere, loro sono del tipo che se l’aereo è low cost ma parte alle 7 di mattina mandano a quel paese il low cost e spendono duemila euro per un aereo che parta alle 12, con tutta calma…. ecco perché fanno sì e no una vacanza l’anno! spirito di adattamento -50! ma gli voglio bene comunque! ahahah
    Un bacione <3

    • Uh l’ho visto quel film, divertentissimo! La vecchina del piano di sopra era adorabile, da soffocare a due mani, ma adorabile! 😀
      Hai preso completamente lo spirito di quegli attimi!
      Ma grandi i tuoi genitori!
      Che dici li facciamo incontrare con mamma e papà Orsi così gli insegnano due cosette?! 😀
      Un bacio a te :*

  5. Io miei si ostinano a fare i moderni senza esserne capaci. Mio padre che tenta di parlare inglese per poi trovarsi a mimare quello che vorrebbe mangiare al ristorante scandendo le parole (PAA-NEE) è uno spettacolo che nessuno dovrebbe vedere.. Che bello tornare e leggere uno dei tuoi racconti! Bentrovata Orsa!

  6. No vabbè sul “Pacco Spedito” a momenti rotolavo per terra dar ridere!
    I miei purtroppo non hanno mai viaggiato da soli in giro per l’Europa, in tempi recenti neanche in Italia a dire il vero, quindi non ho la più pallida idea di quello che combinerebbero ma temo di saperlo! Mio padre da giovane un po’ (poco) ha girato poi si è chiuso dentro al bar per 50 anni e quelle poche volte che l’ho dovuto accompagnare in giro per Roma con i mezzi sembrava un bambino che non aveva visto niente. L’unica volta in tempi recenti che hanno preso l’aereo è stato 10 anni fa, partirono loro due e mia sorella per venire a trovarmi a Barcellona. Mia sorella arrivò esauritissima, loro due sembravano due bambini al parco giochi. Mio padre per deformazione professionale poi si fermava ad ogni singolo bar per assaggiare il caffè dicendo puntualmente che era un’emerita schifezza e costava troppo!!! A fine serata era schizzato! Ma cosa ci vuoi fare, gli voglio bene anche per questo!

    • Scusami Valentina ma non posso non fare a meno di ridere all’immagine di tua sorella esauritissima alla fine del volo hahahah 😀
      Verissimo, dobbiamo volergli bene sempre!
      Comunque la classe si sta riempiendo! 😀

    • Ciao Flavia questo è il bello di bloggare in modalità anonima!
      Posso sputtanare amici e parenti in completa libertà! 😀 😀
      Orsa007 al servizio di sua Maestà

  7. Comunque i miei invece sono abbastanza spediti.
    Innanzitutto mia mamma mi contatta ogni Luglio e mi dice: “Flaaaaaviettaaaa amore di mammaaaa mi organizzi la vacanza?Che tu sei tanto brava! Voglio andare in un posto di mare, acqua cristallina, non troppo lontano, che costa poco, due settimane ad Agosto! e io: “Nna fetta di culo?”
    Poi dopo avermi fatto esaurire fanno di testa loro, prendono la macchina, arrivano in Puglia e si imbarcano per la Croazia o la Grecia facendo quei viaggi da adolescenti passaggio ponte dormendo per terra sugli asciugamani da mare! auihauiahuiahuaihuaihauia
    Inoltre, una volta l’anno si prendono l’aereo e mi vengono a trovare a Londra. La mia piu’ grande soddisfazione e’ stata vedere mamma imparare ad orientarsi nella tube da sola! XD

    • Ma fatti pagare una percentuale sull’organizzazione! 😀
      Comunque mitici anche i tuoi! Effettivamente la mamma che si orienta nella metro del Regno Unito da sola…sò soddisfazioni!
      Ecco altri due genitori da candidare a docenti per la classe dei ripetenti! 😉
      Ciao Flavia, un abbraccio dall’Italia!

  8. No vabbè io sto rotolando per terra dal ridere!!! Confesso che sono a cena con Giorgia e i nostri disperati compagni e ho letto il tuo post ad alta voce a tutti ridendo e faticando a finirlo!! Poi ho esordito con un bel: “oh, lei è orsa!! Fa scompisciare come scrive!!!” Tutti d’accordo, ovviamente.
    Ho pensato ai miei ma devo dire che sono abbastanza sul pezzo, tranne per la fissa di mia madre per le cose che devono rimanere stirate in valigia! Lei fa i bagagli prima sul letto, spostando tutto solo all’ultimo momento nella valigia rigorosamente rigida e vecchio stile samsonite (che dentro i 20 kg non ci sta manco vuota) e cominciando ad agitarsi appena atterrata sperando di arrivare il prima possibile in hotel a “liberare tutti quei vestiti che si saranno tutti sgualciti!!!”. Penso nasca da lì la mia avversione per ferro da stiro e valigie preparate con cura maniacale… Meglio appallottolare tutto 😉
    Un bacione orsa! Sei l’idolo della serata!!!

    • Uhh felice di aver passato la serata virtualmente con voi ragazze!
      Hahahah il pensiero di tua madre che deve correre a “liberare” i vestiti in hotel mi fa morire! 😀
      Sta venendo fuori un piecevole assortimento di manie in viaggio dei nostri genitori!
      Un bacione a voi e grazie per le vostre parole!
      Buon finesettimana! :*

  9. Oddio che avventura ahahahah
    Orsa, sei meravigliosa, punto.
    Comunque quelli che tu chiami Treni della speranza li conosco purtroppo assai bene: sono l’unico collegamento utile tra Bologna, dove abito adesso, e l’Umbria, dove abitano i miei. L’Umbria in generale non è attraversata da nessuna freccia 😀 devo dire che ormai ho fatto l’abitudine al loro aspetto vintage, le temperature sono quasi sempre ok e sono comodissimi per le valigie, perché le lascio sempre nel corridoio. Punto a loro sfavore sono le prese di corrente, è difficile trovarne. Nonostante questo Intercity is in my heart <3

    • Ciao Chiara, vero purtroppo il territorio Umbro ancora non è servito dai treni veloci, insieme a tante altre regioni italiane.
      Speriamo che implementino presto il servizio.
      Anche io adoro i treni vintage ma, passarci la notte (o anche 15 ore diurne), è un sacrificio troppo grande per me…a patto che non si tratti dell’OrientExpress! 😀 Lì dentro anche un mese!
      Buon fine settimana e grazie! 😉

  10. Cavolo, che casino O_O coi miei non viaggio da un bel po’, ma ho avuto la pessim… ehm… la bellissima idea di organizzare la prossima vacanza con loro e spero che andrà tutto bene. Dovremo prendere un treno e un traghetto, forse anche un autobus per arrivare a destinazione. Per fortuna i miei sono amanti delle comodità, anche troppo, tipo mia madre e io che becchiamo l’offertona Italo in business class fino a Milano, che costava quasi quanto l’economy, e poi lei che da quel momento fa la grossa perchè “viaggia solo in prima” -.-

    • I viaggi da adulti con i propri genitori sono i più belli(credo)!
      In bocca al lupo e buon viaggio Anna! 😀
      hahahah “viaggia solo in prima” 😀 😀

    • Grazie a te che mi hai “svegliata” giuro che stamattina non mi ero resa conto che fosse lunedì! 😀
      Quando ho letto il tuo commento ho pensato: Oddio lo #ScappoA 😀 😀
      Un bacio!

  11. Perfetto: se non mi licenziano oggi sarò salva per tutta la vita! Ho riso come una matta XD
    (Non so perché ma ho immaginato tua madre davanti un calderone intenta a preparare qualche pozione miracolosa)
    Questa storia ha dell’incredibile, anche se non mi meraviglio affatto.
    Pensavo a come avrei reagito io al tuo posto, e l’immagine non è sicuramente quella del Papa di fronte la porta santa…
    Fortuna i miei sono più pratici, l’unica “pecca” è mio padre che ogni qualvolta ha un aereo mi chiama, ci sediamo a tavola e comincia a fare una sorta di testamento (e non sto scherzando).
    Grazie per avermi fatto iniziare questa settimana con un sorriso stampato in faccia!
    PS Posso adottarti come sorella nelle giornate “NO”? 

    • Comenò da oggi per te sarò “Sorella-Orsa” da non confondere assolutamente con Sorella Orsolina! hahahah 😀
      Una volta quella cosa l’ha fatta anche mio padre in procinto dell’ennesimo viaggione…
      Evidentemente feci un’espressione talmente triste/spaventata che non affrontò più quel tipo di discorso!
      Invece l’anno scorso il testamento l’ho fatto io 😀 mandai via mail ai miei anche la foto che volevo sulla tomba hahahah!
      (Corna e bicorna)
      Grazie a te Cristina!

  12. Uahahahahahahah…rido come al solito! :DDDD
    Bello però che i tuoi vadano in vacanza, con il treno o con altri mezzi. I miei, finiti i tempi belli in cui andavamo insieme a trovare mia zia in Liguria (sempre col treno anni ’20, quindi lo conosco bene!), sono molto “stanziali” e mettono piede fuori casa solo per compiere il “viaggio” fino a San Valentino Torio, dove abita mia sorella (8 km di distanza)!!!
    No, dai, d’estate si va in Calabria, dove abbiamo casa….e io li seguo volentieri, anzi, direi quasi che loro seguono me: amo quel posto più di ogni altra cosa ed è il nostro rifugio. Se qualche volta non mi trovate, cercatemi lì! 😉

  13. Mi serviva qualche risata, e nel leggere le tue avventure mi sono tirata sù il morale… hai sempre un modo molto accattivante e mentre leggo mi sembra proprio di essere lì con te chiusa dentro il treno…mi immedesimo al 100% nella situazione. 🙂 I miei (soprattutto mio padre) odiano prendere mezzi come treno e autobus, prenderebbe aereo pure per fare 100km se ci fosse la possibilità! 🙂

  14. Ah le risate e i genitori! Mia mamma è un caso totalmente a parte. Per la prima volta dopo due anni viene a trovarmi dove vivo, un paese di montagna, con strade in salita e in discesa. Bene decido di fargli da guida turistica e la porto tra l altro nei posti che io adoro, dove vado a fare le foto (per lo piu’ isolati, con stradine piccole , ripide e a curve). La patente la ho da 4 anni, manco l’avessi presa ieri! Dico questo perchè quando con mia mamma nel sedile affianco ho imboccato una di queste strade , che ha cominciato a diventare sempre piu’ in salita.. bhe lei ha iniziato ad urlare, affannata.., “Dove stiamo andando , torna indietro” ” O mio dio e se arriva una macchina dall’altro lato della strada che fai?” No no fammi scendere! Se si rompe la macchina poi non riesci a frenare e cadiamo di sotto!” ok.. tutto questo con il sospiro accellerato, quasi a lacrime.. gli occhi chiusi, con una mano si aggrappava al manico sopra al finestrino e con il piede destro che spingeva , quasi come se il freno l avesse lei dal suo lato!! Questo durante la sua mini vacanza qui da me , è successo tre volte!!

    • Hahahah si conosco quella tipologia di passeggero!!
      Mi sa che tua madre è più un tipo da mare allora! 😉 La prossima volta andateci insieme…magari in autobus 😀
      Ciao e grazie per esserti fermata a leggere e commentare!
      A presto
      Daniela

  15. Ciao Daniela, beh… un’avventura tanto da scriverci un libro.
    Il titolo intrigante, la storia da sbellicarsi, e il finale anche di più! Soprattutto quando hai scritto “pacco spedito”
    Spero che la loro vacanza sia andata per il meglio.
    Pensa che i miei genitori si spostano solo in auto e mai troppo lontano. I viaggi più lunghi che hanno fatto (considera da Brescia) credo siano state le estati trascorse sulla riviera romagnola. Poi hanno avuto modo di concedersi 2/3 viaggetti in aereo. Da 10 anni e credo di esserne destinata anche per i prossimi 30 circa ad ascoltare gli stessi racconti, le stesse storie di quello che hanno fatto, di cosa gli hanno detto, di cosa hanno risposto, di cosa hanno visto ecc…
    Quando posso scappo, ma spesso mi trovo “incastrata”

    • Ti capisco, hai tutta la mia comprensione 😀 😀
      Consiglia loro di aprire un travel blog così amplierebbero il pubblico hiihihihihih 😛
      Grazie per essere passata Elisa! 😉

  16. Se “muoro” in un accesso di tosse e pipì, causa risate, sulla lapide farò incidere:
    “grazie Orsa”.
    Questo racconto thriller è una delle cose più belle che ho letto ultimamente, sarei tentata di chiederti il seguito! Scrivi una trilogia 😉
    Io per il corso di recupero o classe intensiva “old parents” ci sto: non so ancora cosa combineranno i miei, ma con un viaggio organizzato spero non troppi casini.
    La scorsa estate, sono andati a Mantova in auto, ma sono rimasti con poco gas. Un poliziotto gli indica una stazione di servizio, loro si fidano. Arrivano e la trovano chiusa.
    Dispersi nella campagna, con poco gas, hanno dormito lì IN AUTO, in attesa dell’apertura del mattino dopo.
    Per fortuna ai mercatini di Natale sono andati con un tour, lo stesso sarà per Praga, se no toccava andarli a recuperare nel cuore dell’Europa….
    Bella Dani, buona domenica!
    Claudia B.

    • Hanno dormito in auto in attesa che aprisse la pompa? 😀 😀 Dai Claudia che il pezzo da antologia è tutto tuo!
      Mhhh sai che mi hai fatto accendere la lampadina?
      Spedire i genitori “incapaci” in viaggio e raggiungerli con la scusa di andarli a recuperare!
      Sai quanti viaggi a scrocco? Tocca solo convincerli/costringerli 😛
      Potremmo organizzare dei tour tramite la Pensione Stella che, con questo po’ po’ di braccio armato, da bettola potrebbe evolversi in TravelParentAgency hahahah
      Buona domenica anche a te! 😉

Rispondi