Gozo Comino&Blue Lagoon a bordo di Luzzu Cruises

intestazione

Sliema è la citta che fronteggia il profilo settentrionale di Valletta: il suo lungomare pullula di residence per i giovani viaggiatori che animano la movida notturna di quella parte di costa maltese. Esattamente da quel lungomare partono giornalmente numerosi tour in barca per visitare Malta nella sua interezza. Io ho scelto Luzzu Cruises perchè offre, a mio avviso, il tour più completo, utilissimo per i 48h/traveller che abbiano l’esigenza di un all inclusive che coniughi servizio, prezzo e, soprattutto, poco tempo a disposizione!

Come sapete ho soggiornando soltanto 48 ore a Malta e, fra le diverse proposte di Luzzu Cruises ho optato per il tour Gozo, Comino&Blue Lagoon perchè desideravo tantissimo vedere la Azure Windows, celebre location del matrimonio Dothraki di Daenerys Targaryen avvenuto nella prima stagione di Game of Thrones. Questa opzione mi ha permesso di godere di una bella giornata in barca costeggiando l’intera parte orientale di Malta, visitare le zone più belle dell’isola di Gozo e stamparmi negli occhi le incantevoli acque della Blue Lagoon di Comino!

capitano

E’ stato lo stesso John Paul, giovane capitano dello yacht a motore Kataleya, che mi ha accolta a bordo per una crociera con un itinerario così composto: partenza alle 10:00 dal lungomare di Sliema, uscita dal porto costeggiando il suggestivo profilo di Valletta, una lunga attraversata della costa maltese, arrivo a Gozo con un mini tour dell’isola, bagno nelle acque di Comino e ritorno previsto per le 17:30. What Else?

Durante la navigazione, ad ogni punto d’interesse, la voce del capitano (direttamente dalla cabina di comando) spiegava cosa stessimo ammirando. Per i viaggiatori stranieri è disponibile una traduzione vocale che viene diffusa via speaker in tutto il battello: spiegazioni consecutivamente in tedesco, francese, italiano e spagnolo.
Durante la crociera è anche possibile usufruire gratuitamente del servizio bar di bordo, bevendo illimitatamente acqua, birra o soft drink.

kata

E infatti il ponte della Kataleya si è trasformato ad un certo punto in una sorta di allegro oktoberfest in pieno Mediterraneo! 😛
Dopo circa un’ora e mezza di navigazione, passando per la rinomata St. George’s Bay, le torri di avvistamento, le saline, l’isola di S. Paul con le sue storie e leggende, la crociera effettua la prima tappa al caratteristico porto di Mgarr sull’isola di Gozo.

mgarr

Sbarcata dalla Kataleya sono stata invitata a salire su un piccolo pulmino con il quale ha avuto inizio il tour di circa 3 ore a Gozo. E’ qui che ho fatto la conoscenza di Carmelo, la fantastica guida maltese che conduceva il nostro piccolo van.
Carmelo è una forza della natura, dalla verve simile a quella dei motivatori! E’ stato divertentissimo attraversare Gozo al suono del suo slang misto fra inglese/italiano/maltese.

carmelo

Lungo l’itinerario abbiamo attraversato i punti di interesse come la Basilica dei Miracoli chiamata Ta ‘Pinu (non l’ho fotografata 🙁 ma il suo profilo di pietra gialla sullo sfondo blù del cielo è da cartolina!), l’acquedotto inglese, la cava della pietra maltese ecc, il tutto condito con le simpatiche spiegazioni di Carmelo.
La prima tappa è proprio la Azure Windows con il suo fascino imponente. L’acqua è davvero blù come dalla foto…ed i turisti sono davvero tanti come dalla foto! Ci sono arrivata in ritardo di 6 stagioni, peccato, volevo la bomboniera! 😛

orsa

Nelle immediate vicinanze della location del matrimonio Dothraki c’è un’altra meraviglia della natura: l’Inland Sea, una sorta di spiaggia interna separata dal mare aperto da una imponente muraglia rocciosa. Per soli 4 euro è possibile salire su un barchino, uscire dalle acque smeralde di questo “mare interno” e navigare proprio sotto la Azure Windows, per fotografarla direttamente dal mare!

pano9

La sosta è breve, soli 40 minuti per poi risalire a bordo alla volta di Victoria e la sua Cittadella Fortificata. Il paesaggio che scorre dal finestrino del van è davvero affascinante: distese di muretti a secco, fichi d’india e case realizzate con la tipica pietra gialla maltese. Tutto questo con lo sfondo blù del mare ed il sottofondo della voce del vulcanico Carmelo!

dal finestrino

La città di Victoria è la capitale di Gozo ed è deliziosamente arroccata su una rupe che domina tutta l’isola. Come quasi tutte le cittadelle fortificate di Malta, l’assetto murario di Victoria serviva per fronteggiare gli attacchi dei corsari e saraceni. Anche qui meravigliosamente ocre da tutte le parti, il mio colore preferito! Ricordate il tema del mio vecchio blog?
La Cittadella di Victoria purtroppo quel giorno (che culo) non era visitabile a causa dei preparativi per la festività dei Santi Pietro e Paolo. Così abbiamo semplicemente fatto una pausa pranzo nella piazza principale, accanto al tradizionale mercato. Considerando che da lì a poche ore avrei fatto il bagno a Comino, decido di non pranzare completamente ma di affidare il mio stomaco alle cure di un pastizz.
Nel centro di Victoria molti sono i ristoranti, i bistrot ed i locali con dehor immersi fra tipicità e souvenir.
Da uno di questi ho sentito provenire a più riprese la frase Tuttappòst!…era un ristoratore italiano. Il mio battesimo dei pastizz è avvenuto a Victoria-Gozo in un locale gestito da un italiano. I pastizz si presentano come una sorta di sfogliatella rustica: una croccante pasta sfoglia che racchiude un ripieno di ricotta maltese oppure di crema di piselli molto speziata.
Li ho trovati buonissimi, li ho divorati e li ho adorati. Ne ho mangiati tre e, se non fosse stato per il bagno, il trend sarebbe stato nettamente in salita!

Dopo la sosta di un’ora eccomi di nuovo in compagnia di Carmelo per il viaggio di ritorno al porto di Mgarr, dove il nostro gruppo viene recuperato e traghettato sull’isola di Comino, proprio di fronte Gozo.

prua
prua2

Non mi voglio perdere lo show così mi dirigo direttamente a prua per fotografare l’ingresso nella Blue Lagoon in soggettiva. Lo spettacolo è disarmante: io vivo a pochi passi dalla Costiera Amalfitana ma non ho mai visto un’acqua così! *_*

comino2

comino
comino3

Sbarchiamo direttamente sulla costa rocciosa di Comino ed è stato in quel preciso momento che ho rimpianto i “mancati pastizzi aggiuntivi”: gente in acqua, gente sulle imbarcazioni, gente sugli scogli, GENTE, troppa gente dappertutto! Una colonia di pinguini è meno affollata.
Non un centimetro quadrato per spogliarmi o poggiare lo zainetto a terra. Gli ombrelloni pieni e accatastati all’inverosimile.
Dunque ecco il mio consiglio: se vi trovate nella mia stessa situazione spogliatevi direttamente in barca e lo zaino o lo lasciate a bordo oppure affidatelo ad un piccolo stand con cassette di sicurezza da affittare con pochi euro, ubicato lungo il sentiero che conduce alla parte balneabile.
La sosta a Comino è durata circa un’ora e mezza: io non ho potuto fare altro che scattare foto, sospirare e sudare sotto il sole cocente. Per fortuna che la presenza dei chioschi che commercializzano cibo e bibite fresche mi ha allietata dalla calura.

La partenza è fissata per le 16:00. Durante il viaggio di ritorno il capitano John Paul, invece di navigare al largo della costa, ci ha sorpresi con una navigazione ravvicinata quasi ad accarezzare i profili rocciosi e, in qualche caso ha anche “infilato” il muso della Kataleya nelle numerose grotte dell’isolotto di Comino.

grott2e

grotte

grotte3

Questa che si vede all’estrema sinistra in basso è la roccia a forma di testa di elefante.

grotte4

Il rientro è avvenuto perfettamente in orario alle 17:30 e nei miei ricordi resterà una piacevole giornata in barca fra divertimento, storia, natura ed acque fantastiche! (a parte il rimpianto che avrò a vita per non essermi buttata a mare con tutti i vestiti)

Per chi non fosse interessato a Gozo, l’opzione che offre Luzzu Cruises è la sosta diretta a Comino: invece dello scalo a Mgarr verrete lasciati a Blue Lagoon per un’intera giornata in paradiso. La partenza resta comunque fissata alle 16:00 del pomeriggio.

Il costo della crociera con formula Gozo+Comino&Blue Lagoon è di Euro 40 a persona. Acquistando la crociera online, oltre ad uno sconto sul prezzo, in omaggio si avrà un biglietto per la Crociera dei porti di Valletta e Marsamxett (sono tanti e sono immensi), a bordo di Sansone un caratteristico e colorato Luzzu maltese.

luzzu

Se soggiornate, come me, a Valletta ecco alcune info pratiche per raggiungere il lungomare di Sliema e salire a bordo della flotta di Luzzu Cruise: il “Valletta Ferry Services” effettua in soli 10 minuti l’attraversamento del canale che separa Valletta da Sliema al costo di Euro 2,80 a persona A/R nella stessa giornata. Gli orari sono disponibili qui.

brochures

Questo post è stato realizzato in collaborazione con Luzzu Cruises, ringrazio il capitano John Paul e la cortesia di tutto lo staff di bordo della Kataleya.

www.luzzucruises.com
Facebook link

logo

30 pensieri su “Gozo Comino&Blue Lagoon a bordo di Luzzu Cruises

  1. Tuttappòst… doveva essere pugliese secondo me! Vedo con piacere per te che questo intenso viaggio a Malta non è stato movimentato da imprevisti particolari. Ci voleva il rilassante giro in barca! Oh, le foto bellissime, il racconto piacevolissimo, i panorami stupendi (ho corretto il freudiano lapsus “stipendi”) ma quello zainetto è il meglio di tutto. Mi hai fatto venire il piccio, sai? Mò lo voglio pure io! Ah, un’altra cosa… ma che è sta storia della bomboniera? Vi siete capite solo voi! 😉

  2. Il contrasto dell’acqua con la sabbia fa sembrare l’azzurro ancora più azzurro! Sono 5 minuti che guardo le foto… Malta mi sta decisamente conquistando! !! Comunque Daenerys nata dalla tempesta, madre di draghi e demolitrice di catene è proprio una grandissima scostumata! La bomboniera di Orsa andava conservata! Come ha potuto dimenticarsene! ?!?!

  3. Ma l’acqua è talmente azzurra da sembrare finta, che meraviglia!
    Sono contenta che la mini crociera sia andata bene, e tra l’altro John Paul non mi sembra niente male
    Posso dire che Daenerys nata dalla tempesta, madre di draghi e chi più ne ha più ne metta mi sta un po’ antipatica da quando ha mandato via Mormont?

    • John Paul è stato un vero capitano gentleman! 😉
      Infatti la centotitoli s’è sparata due lacrimucce da coccodrillo (leggi drago) e l’ha spedito a fare il ramingo con la scusa di trovare la “cura”, che bastarda! 😀

  4. Fantastico riuscire a vedere Gozo e Blue Lagoon in così poco tempo! Massimo mi ha appena parlato di un paio di giorni improvvisamente liberi ad agosto e poi ha detto la parola “Malta” senza che io l’abbia ancora minacciato di morte. Non lo dico forte, ma forse i tuoi post maltesi potrebbero tornarmi davvero davvero utili *___* tengo le dita incrociate.

  5. Ma è pazzesco il colore dell’acqua! e pazzesco anche il tuo zaino con il logo del sito! 😀
    Devo dire che quando si viaggia per sole 48 uno se le inventa proprio tutte per cercare di vedere il più possibile ma questa è un’ottima soluzione, una bella gita di un giorno in barca neanche eccessivamente frettolosa! 🙂
    La foto di Carmelo mi fa morire, sono certa fosse uno spasso!!!
    ….no aspetta aspetta,sto ancora sognando le acque della blue lagoon! *___*

    • Grazie per lo zaino! Quello è il mio bagaglio in versione estiva!
      Peccato che quando viaggio con qualcuno della mia famiglia(non sanno del blog) debba lasciarlo a casa, altrimenti mi sgamerebbero! 😀
      Carmelo sarà uno dei miei ricordi più cari di Malta…insieme alla paccata di #intothewallet che mi sono portata dietro!
      Effettivamente questo tour è molto ben organizzato per chi ha poco tempo come me!
      Ciao ragazzi, un bacio!

  6. Che nostalgia di Malta!!! Ricordo quel mare di Comino come se fosse ieri, così come pure tutti i colori della capitale!
    Malta non è grandissima, e ti dirò che forse 48 ore sono state comunque pochine, ma sono certa che sei riuscita a cogliere l’essenza magica di quest’isola…e i sapori! 😉

    • Infatti quei colori mi hanno stregata! *_*
      48 ore sono perfette per La Valletta però, per godere di quelle acque, minimo ci vuole una settimana! 😀

  7. Ciao, Daniela!

    Quelle acque blu mi hanno veramente scombussolato. Non sono mai stato a Malta, ma alcuni miei amici lo scorso anno ci sono andati e mi hanno riportato le tue stesse impressioni. Che colori magnifici! Il paradiso! Io non mi sarei fatto molti scrupoli, mi sarei buttato direttamente con vestiti (e macchina fotografica). Troppo, veramente troppo bello.

    Avendo solo 48h direi che la tua scelta è stata ottima e azzeccata: ti sei fatta un bel tour in barca vedendo più posti possibili, anziché spiaggiarti come fanno tutti in mezzo alla folla di turisti balneari 😀

    Alla prossima! 🙂

    • Infatti hai azzeccato la tua impressione: la mia filosofia di viaggio è proprio evitare di “spiaggiarmi” 😀
      Beh posso solo immaginare i magnifici scatti che potreste fare voi oppure Lucrezia e Stefano!
      Verrebbe un bellissimo catalogo di Blue Lagoon!
      Grazie per essere passato Marco!

  8. Pingback: Sliding Doors - L'Orsa Nel Carro

  9. Non essendo mai stata a Malta non ho idea di come sia la lingua…il maltese è un mix di inglese e? Favoloso il mare e mi piace molto l’organizzazione di questo tour… lo terrò a mente se mai riuscirò ad andare! Aspetto i post sulla pappa… non so perché ma il pastizz salato mi intriga più di quello dolce…mumble mumble…

    • Guarda, loro parlano un inglese talmente perfetto che neanche Sua Maestà! Infatti Malta è la meta preferita per imparare l’inglese, ci sono un sacco di scuole di livello internazionale.
      Il Maltese vero e proprio invece è un mix fra arabo, latino e siculo…sembra davvero che parlino turco ed è divertentissimo sentirli!
      Ahhh i pastizz…mi avevano avvertita che creavano dipendenza e davvero è stato così! Ma poi costano pochissimo, tipo 30-50 centesimi!
      A presto!

  10. Pingback: L'Orsa Maltese - L'Orsa Nel Carro

  11. Pingback: PORTAmi a Malta - L'Orsa Nel Carro

  12. A parte la fin troppa abbondanza di gente, trovo il tutto splendido.
    Dai dimmi una cosa: avendo un pochino più di tempo a disposizione, senza allargarmi troppo dico 4-5 giorni, tu come suddivideresti il soggiorno?
    Parti dal presupposto che a me piacerebbe molto poter includere sia Gozo che Comino (anche se mi uscirebbe meglio chiamandola Cumino…). Due giorni a Malta, uno intero dedicato a Gozo, più un’uscita finale a Comino, potrebbe essere una soluzione? Magari con questa formula “alcool più bus”, che mi sembra proprio niente male? Invece per muoversi a Malta senza noleggio auto: bus o scooter (ora vado a leggere il resto dei tuoi post, ma faccio prima a chiedere tutto qui)?
    Grazie in anticipo!
    Claudia B.

    • Allora con il senno di poi ti dico che a Comino conviene andarci dal mattino e mettersi in ammollo fino al pomeriggio inoltrato. Puoi usufruire solo della formula Alcool+traghetto per Comino se vuoi! 😛 A Gozo volevo andarci solo per vedere la Azure Windows ed ho approfittato di questo breve tour (ed ho fatto bene) il resto di Gozo è sì bello ma in 4-5 giorni conviene dirottarsi su altro. Tipo ad esempio Mdina(spulcia qualche foto online), le Tre Città(le versioni di Valletta pulite e ordinate) o il caratteristico porticciolo di Marsaxlokk, quello con le barche dei pescatori con gli occhi! Poi c’è il villaggio di Braccio di Ferro, Sliema e St. Julian con la movida notturna. Sono tutte zone molto distanti fra loro.
      I mezzi pubblici a Malta non te li consiglio, c’è un traffico enorme e non sono proprio puntualissimi eh! Meglio l’autonomia dell’automobile (con guida a sx). Chiedi pure tutto quello che vuoi Claudia, nel mio piccolo spero di esserti utile 😉

      • La colpa della mia fissa per Gozo è da rimandare a Licia Colò (e al suo antico servizio, di milioni d’anni fa, su Malta e Gozo), ma mi fido ciecamente di te che sei stata, ed hai visto con i tuoi occhi.
        Ecco perché chiedo sempre delucidazioni: alla fine chi ha vissuto l’esperienza prima di te, sa darti un’indicazione precisa, che va al di là del filmato perfetto e strappalacrime. Senza voler togliere nulla a Gozo, ovviamente, ma con il tempo limitato mi fa piacere pensare di ottimizzare e non perdere qualcosa che magari ho -diciamo- a portata di mano, per lanciarmi in visite all’ultimo respiro! Dalle quali è pure capace che non cavo un ragno da un buco. Quindi ottimo consiglio grazie!
        Orca paletta speravo nei mezzi…chi dice a mio marito che deve guidare dalla parte sbagliata della strada? Questo è un problema. Grosso. Ma non so nemmeno perché, dato che quel benedetto uomo guida qualunque cosa e ha 700 patenti…
        Spero che la notte porti consiglio.
        Grazie stra-mille!
        Claudia B.

        • Esatto, anche io cerco di leggere fra le righe le esperienze “real”. Poi se si ha un tempo limitato è giocoforza fare dei tagli. Ormai ho un master sui tagli! 😉
          Sui mezzi pubblici la mia esperienza ha decretato un secco NO. Pensa che all’andata dall’aeroporto a Valletta ci volevano 20 minuti scarsi. Il traffico manco fosse il Raccordo Anulare e una stranezza dell’autista ci hanno fatto arrivare a destinazione 1 e 30 dopo!
          Per stranezza intendo questo: l’autista ad un certo punto ha inchiodato il bus, è sceso lasciando le porte aperte (addio aria condizionata) ed è sparito lasciandoci tutti a bocca aperta. Dopo più di mezz’ora è arrivato un altro autista che come nulla fosse è salito, ha messo in moto ed è partito. Era il cambio turno, capisci? O_O Io mi sto ancora dannando perchè per quel ritardo ho trovato i musei chiusi 🙁
          Qualche minuto fa ero a “casa tua” 😀 W il Trentino!
          Un bacio e buona serata!

Rispondi