Sofitel Roma Villa Borghese la mia eSPYrienza da Mystery Guest

Nella sua impeccabile livrea l’addetto alla reception mi presenta la ricevuta del check-out porgendomela con un tale garbo da sembrare una scena d’altri tempi.
Lei -la ricevuta- è così importante e pesante che sembra quasi vibrare nelle mie mani, ma io la guardo sfidandola con una consapevole e decisa spavalderia.
Con altrettanto garbo estraggo un plico misterioso dal mio zaino e con un sorriso appena accennato lo porgo delicatamente al Concierge.

Questo nella realtà. Nella mia mente invece la scena è stata questa:

Con circospezione e prudenza🕵️ mi accingo a dare inizio alla mia missione entrando nella hall di questo storico e lussuoso hotel di Roma.
Per un attimo dimentico di essere una spia e mi perdo nella sensazione di tornare indietro di 60 anni quando Roma era in pieno mood Dolce Vita.

Tutto infatti rimanda a quel romanticismo patinato dei film degli anni ’50: dal colonnato alla Lambretta d’epoca, dal grazioso salottino alla scala di marmo, il Sofitel Roma Villa Borghese è di un lusso mai eccessivo e piacevolmente capace di mettere a proprio agio anche una coppia di Orsi.

Ma perchè mi trovavo qui? Sono stata selezionata per interpretare il ruolo di Mystery Guest con il compito di soggiornare in incognito in questa struttura ricettiva della famosa catena AccorHotels.
Il difficile incarico prevedeva non solo di passare una notte fra fasti e lussi ma anche di sottopormi al crudele sacrificio di una cena stellata e una golosa colazione sul ristorante panoramico dell’hotel.

Da uno a dieci quanto mi state invidiando? 😛

Arrivata al cospetto della sacra reception sono molto emozionata, tanto che tra me e me ho pensato: ecco adesso mi “sgamano” e fallisco miseramente la missione, con addebito immediato di tutto il costo dell’operazione.
Essì, le condizioni erano quelle!
Invece lo staff mi riceve immediatamente con cordialità e con una professionalità ormai consueta per quei livelli di accoglienza.

Una cosa tuttavia durante tutto il mio soggiorno mi ha dato da riflettere: nelle aree comuni, nel ristorante e in tutto l’hotel ogni volta che qualcuno si interfacciava con me lo faceva usando la lingua inglese.
Ora due sono le cose: o i miei tratti somatici non rimandano alla gens italica oppure gli italiani qui non ci accostano proprio ed è un immenso peccato.

Tra i miei compiti di osservatore c’era il riscontro di ordine e pulizia degli ambienti comuni, annotare il comportamento del personale e naturalmente fare una verifica dello stato della camera.
Dunque, la tv era accesa con un messaggio di benvenuto personalizzato (!!), nel bagno c’era un set completo di prodotti Hermès, un interfono nelle immediate vicinanze dei sanitari, illuminazione soffusa e un bel profumo dappertutto:

ma cosa volevo obiettare?

Con me avevo una lettera d’incarico e una check-list (esatto proprio come quella dei piloti di linea) che in tutta onestà mi hanno procurato non poche ansie.
Avendo il divieto assoluto di mostrarle fino al momento del check-out, ho passato interi minuti a cercare un nascondiglio sicuro in camera, in preda all’angosciosa paranoia dell’ OddioEseScopronoIlDossier?
Povera me, sono entrata talmente nella parte che bastava semplicemente non lasciarle in vista!

Capite? Dopo aver espresso il desiderio di visitare il Bunker-42 di Mosca mi arriva l’opportunità di questo incarico in puro stile spy movie: la notte, la cena, una colazione superba, una Roma mite di metà settembre e un fantastico tramonto infuocato sulla Città Eterna!

E’ stato tutto talmente perfetto che per la legge del contrappasso mi aspettavo di scontare e pagare un caro tributo per cotanta-fortunata-perfezione.
E credetemi,  sì che l’ho scontata! Avete presente il nubifragio che ha colpito Roma la scorsa domenica?
Ecco io C’ERO.
Quando ho lasciato il Sofitel Roma Villa Borghese ho preso talmente tanta acqua che non avevo più nulla di che bagnarmi, a momenti esondavo anch’io.

Addirittura un cingalese incontrato per strada mosso a pietà dal mio stato mi ha regalato un bel poncho. Vi ho detto tutto!
Dovevo ascoltarlo il gentilissimo Chef Concierge, voleva offrirmi un taxi o almeno un ombrello di cortesia, ma che ve lo dico a fare che dovevo fermarmi in più punti in centro per comprare i pensierini per i parenti (maledetti, sempre loro!)

Se dovessi riassumere il mio soggiorno al Sofitel Villa Borghese, a prescindere dalla mia esperienza in qualità di Mystery Guest, lo farei senza dubbio ricordando i sorrisi delle ragazze in sala colazione (nonostante la giornataccia), la cena superba e il profumo concreto e tangibile di Dolce Vita!
Proprio per questo vi confesso che in più di un’occasione ho avuto il sospetto di essere stata individuata e neutralizzata.
Sospetto demolito nell’esatto istante in cui mi sono palesata al check-out…dovevate vedere la simpaticissima espressione degli addetti alla reception!😂😂😂

E Quindi? E’ possibile che non ci sia stato proprio nulla da obiettare? Ma ragazzi ero in uno stato di grazia tale che non ho nemmeno notato l’orribile 😱 (e inappropriato) outfit di molti degli ospiti stranieri! 😉

Ma questa è un’altra storia

Permettetemi di ringraziare Andrea di Vologratis.org è stato per merito suo se ho potuto essere Mystery Guest in un hotel di lusso per un giorno.
Vi invito a seguire le sue quotidiane segnalazioni sui concorsi per vincere viaggi ed esperienze in giro per il mondo: io sono la conferma che Andrea porta fortuna! 🍀

41 pensieri su “Sofitel Roma Villa Borghese la mia eSPYrienza da Mystery Guest

  1. Non ci credo! Non ci posso credere! Noooooo! Ma tu mi hai gabbata! Fermate il mondo: non avevo capito nulla! Quando hai detto di tenere il tuo blog sotto controllo, e ad un ruolo degno dell’OSS, giuro che ho pensato che tu stessi rimettendo mano al layout del sito! Non so perché, ma pensavo che si trattasse di questo, forse perché in passato ne avevi accennato.
    Ma il ruolo di OrSpy non lo avrei mai immaginato! Che figata assoluta, a parte il nubifragio ovviamente…non oso immaginare quante ore ti siano servite per asciugare la pelliccia. Però Dani, ti prego, inizia a dare buca ai parenti e ai loro souvenir. Sul serio. Pensa se tu avessi accettato il taxi o l’ombrello! O anche un natante, visto il tempo…
    Sai che mentre leggevo della tua esperienza, guardando le bellissime foto, mi sono sentita anche io trasportata in un’atmosfera anni sessanta. Non so perché, ma tutta la situazione, mi ha ricordato “L’uomo che sapeva troppo”. Okay, location diverse, ma comunque quella splendida aura retrò, misteriosa, di suspense.
    Sei stata bravissima a non farti scoprire, non avrei mai voluto vederti restare senza pelliccia, per pagare il conto!!!!
    Ora mi hai davvero incuriosita: devo saperne di più su questo contest straordinario. Anche io da grande voglio fare la spia !
    Buona serata mitica Dani!
    Claudia B.

    • Mannaggia Clà che mi hai ricordato! E’ vero devo rifare assolutamente la carrozzeria al Carro! 😀 😀
      Guarda io mi sono immedesimata in tutti quegli ospiti inglesi, americani o tedeschi e mi è piaciuto tantissimo vedere la meraviglia nei loro occhi! A Distanza di oltre sessant’anni la Dolce Vita nel loro immaginario è ancora vivida e vengono a Roma proprio per riviverla…o almeno mi piace pensare che sia così! Quest’Hotel è un varco dimensionale per tornare indietro nel tempo 😉
      Grazie per le tue parole Claudia, buona serata anche a te! :*
      PS: ho avuto le scarpe bagnate fino all’altro ieri! O_O

  2. Io credo che sarei stato sgamato dopo dieci minuti 😉
    Non ce la farei proprio ahaha
    Comunque hai fatto delle foto bellissime 🙂
    Ammetto, un pò d’invidia l’ho avuta leggendo l’articolo 😛

    • Non sai quante volte l’ho pensato anch’io! Pippe mentali come se piovesse 😛
      Grazie per i complimenti agli scatti! Tutti col cello 😉
      Un saluto 🙂

  3. Ma che figata Orsetta mia!!! Sono proprio contenta che ti sei fatta quest’esperienza, si sente che ti sei divertita un mondo!! Io sarei stata sgamata subito, manco a dirlo… Hotel favoloso, di una eleganza d’altri tempi… Però adesso sono troppo curiosa dell’outfit improbabile degli stranieri!! PS: la prossima volta che vieni a Roma fammi un fischio però…

    • Alessia ora te lo posso chiedere: avevi riconosciuto l’hotel dalla vista sulla terrazza? 😉
      Ho messo il muso fuori dalla camera solo per una breve passeggiata a Villa Borghese (capirai era proprio lì) per il resto non ho visto nulla, 🙁 tutti gli scatti che ho fatto il sabato (che era una bellissima giornata) li ho fatti al volo sul tragitto stazione-hotel. Sono venuta a Roma apposta per la “missione” ma la prossima volta non mancherò assolutamente di fischiare a tutte voi Romane De Roma! <3
      Grazie! :*

    • Vero Bea è stata una bellissima esperienza, sai che stavo pensando? …speriamo di non essermi bruciata la copertura per futuri incarichi! 😀 😀

  4. Ma che esperienza favolosa! Al di là dell’albergo bellissimo, l’esperienza di essere lì in missione segreta deve essere stata una cosa pazzesca. Atmosfere da 007 o da investigatore privato Io mi sarei fatta “sgamare” dopo cinque minuti…
    Curioso il fatto che il personale ti parlasse in inglese: forse è raro che ci siano ospiti italiani, chissà? In ogni caso un posto da sogno!
    Buon weekend Orsa

    • Grazie Silvia davvero pazzesca!
      Quando ho ricevuto il messaggio della selezione il primo rigo diceva: “Questa potrebbe essere la mail più bella che riceverà questo mese”!
      E così è stato! *_* Proprio un’esperienza piovuta dal cielo 😉
      Buon fine settimana anche a te! :*

  5. Orsa come Serlock Holmes, bravissima!
    Per questa volta ti perdono: eri a Roma e non mi hai detto nulla (anche perché con l’acquazzone di Domenica non mi sarei mai spostata da casa, il risultato sarebbe stato quello che è accaduto a te). Ma la prossima volta ci conto eh!
    Comunque non conoscevo il Sofitel Roma Hotel, ma posso immaginare il meraviglioso panorama di Villa Borghese (le foto rendono benissimo l’idea).
    Complimenti ancora per la missione Orsa!
    Un bacione :*

    • Grazie Cris, promesso la prossima volta ci vediamo tutti insieme da qualche parte!! *_*
      Premetto che non ho detto nulla nemmeno ai miei…ecco perchè volevo farmi perdonare con un pensierino 😛
      Comunque per salire sulla terrazza del Sofitel non occorre essere necessariamente ospiti eh! E’ possibile anche solo cenare, pranzare o prendere un aperitivo con vista.
      Buon fine settimana! Com’è il tempo ora a Roma? 😛

  6. Ma dai, che figata! E che spettacolo di hotel, penso che io mi sarei fatta sgamare dopo due secondi, annichilita da tanto lusso. Sembra una commedia-spy story con Audrey Hepburn ahaha
    Missione compiuta, Orsa, e ti auguro che sia solo la prima delle tante, perché come spia sei ineccepibile. Un bacione 🙂

    • hahahah vero? Come partner mi sarebbe piaciuto quel gran “piacione” di Vittorio De Sica 😉
      Missione compiuta ma sui prossimi incarichi ormai mi sono bruciata la copertura hahahah! 😛
      Grazie per essere passata Chiara! :*

  7. Super contenta di questa opportunità che hai avuto Dani! Questo hotel di Roma é pazzesco e confermo che molto probabilmente solo gli stranieri vi si accostano!!! 🙁 comunque sei tata bravissima a non farti sgamare! Peccato solo che tu abbia beccato tutta quella pioggia che non ti ha fatto godere il centro di Roma al meglio!
    Speriamo di vederci quando torni! Un bacione <3

    • A chi lo dici Lu! 😉 Mannaggia l’acqua…e chi se lo aspettava dopo quel tramonto! O_O
      Certo, tornerò assolutamente anche solo per vederci tutti! Caspita sono più di due anni che facciamo parte di questa bella community e urge una rimpatriata LIVE! 😉
      Grazie per essere passata, a presto! :*

  8. fortissima questa “avventura” ! e bello il racconto con la macchina da scrivere…sembrava di stare dentro un romanzo di agatha christie.
    immagino che da lassù c’è un’altra Roma: bellissima, incantevole e silenziosa. La Roma dei viaggiatori di altri tempi.
    è sempre bello leggerti,
    un bacio!

    • Grazie mille Francesca per le tue care parole! <3
      Perdona il ritardo con cui rispondo (e non ero purtroppo impegnata in altre missioni) 😉
      Bacioni anche a te!

  9. Invidia tanta (fatta eccezione per la pioggia) e complimenti per le foto! Mi avrebbero scoperto dopo più o meno 5 minuti, ne sono certa, se poi fossi andata con mio marito allora il numero scenderebbe pericolosamente a “è inutile che ci provate, vi abbiamo beccati appena varcato l’ingresso.”
    Un bacione
    Erica

    • Grazie Erica non apriamo il capitolo consorte che temo di essere sulla stessa barca hahahah 😛
      Grazie anche per i complimenti alle foto…le giro al mio cello 😉

  10. Ma che spettacolo!!! Una location da sogno e una missione degna di una super spia, bellissimo!!
    Il tuo racconto poi è strepitoso, come sempre!
    E vogliamo parlare di quanto sono belli i tramonti su Roma? ❤ Devo tornarci prima possibile, manco già da 6 anni, che vergogna…
    Un abbraccio!

    • Un tramonto meraviglioso e traditore…e chi se l’aspettava il giorno dopo quel diluvio! 😀
      Ma nonostante l’acqua sono stata contentissima di tornare a Roma (anche io mancavo da anni). Ti auguro di tornarci presto allora!
      Ti ringrazio per essere passata Silvia, mi ha fatto piacere 😉

  11. Ma che bella esperienza! Mi permetti un po’ di invidia per essere stata selezionata? 😉 Scherzi a parte, fare l’osservatore in incognito è degno di un avvincente spy movie! Peccato solo per il nubifragio! La foto al tramonto è bellissima!

    • Una gran fortuna essere selezionata! 😀 Non so se c’entri qualcosa il mio passato da spia nei ristoranti: ero il terrore dei McDonald’s, li bacchettavo (leggi distruggevo) come dio comanda hahahha! Colpa loro però 😉
      Grazie per il complimento alla foto ma è il tramonto romano che è bellissimo! <3

  12. Invidia livello 1000!
    A parte tutto, fare da “agente segreto” per un giorno è proprio una bella esperienza!
    Ti ci vedo, con il cappotto da spia, occhialoni scuri e giornale con due buchi per gli occhi.
    La prossima volta che passi da Roma, se sono anche io in città e se non c’è il nubifragio, possiamo vederci per un caffè.
    Magari non stellato!

    • Non bella ma una fighissima esperienza Stefania! hahhaa il giornale coi buchi è meraviglioso fa troppo cartone animato! Quindi mi hai immaginata come una specie di incrocio fra Ispettore Clouseau e Ispettore Gadget con l’acume del Detective Monk?! 😛 😛 Ma graaazieee! hahahah
      Non mancherò assolutamente, il caffè lo offro io con piacere a tutte voi blogger romane 😉
      Ovviamente non stellato 😀

  13. Grande Orsa! Sei stata un perfetto agente segreto e questo post è uno spasso! Anche io rientro fra quelli che avrebbero sgamato dopo 5 minuti… piuttosto mi potrebbe arruolare booking per testare certe bettole e capire come fanno ad avere voti così alti! Ahahahahhh!
    L’albergo tra l’altro è bellissimo! Non vedo l’ora di leggere la prossima missione! 🙂

    • Ciao Valentina è sempre un piacere rivederti! Ahh per quello allora possiamo essere colleghe: ho una lunga carriera di bettole e sgabuzzini alle spalle! 😛
      Grazie come sempre per essere passata 😉

  14. Anche io voglio fare la spia ma solo per quegli hotel talmente malandati da dimostrare mancanza di rispetto verso l’ospite e lo stesso hotel. Lasciamo perdere và.
    Che posso aggiungere Daniela? Sono contenta per te e ti capisco quando scrivi che temi la legge del
    contrappasso. La temo anche io.
    Bellissimi i panorami che hai fotografato.
    Me và, corro a recuperare gli altri tuoi post.
    Baci baci! E oh, bellissimo il tuo commento al mio post sul piano B! 😉

    • Tizzi era completamente sentito il mio pensiero 😉
      Beh per quella categoria di hotel non ci sono commenti, recensioni o rapporti da compilare e consegnare: io sono per il tritolo! 😛
      Grazie! :**

  15. Favolosa esperienza una giornata da spia d’altri tempi! Peccato per la giornata piovosa, ma rimane un modo assai diverso ed originale di vivere un viaggio 😀
    Sicura sicura che il cingalese che ti ha regalato il poncho non fosse una talpa sotto mentite spoglie ?

    • Ola Lemuri!
      hahah effettivamente l’aspetto ricordava proprio una talpa ahahaha 😀 Dio abbia in gloria i cingalesi e le talpe! 😉
      A presto :*

  16. Ma daiiiiiiiiiii!!! Ficherrimo! *_*
    Voglio fare anche io la spia, almeno una volta nella vita! 😛
    Scommetto che ti sei divertita un sacco e, perdona la banalità, credo che tu abbia mangiato benissimo…ecco, diciamo che sul ristorante e sulla colazione sto rosicando da morire! 😉
    Brava Dani e complimenti per articolo e foto…un mega bacio in incognito! :*

    • We bentornata! ^_^
      Il cibo? Madò era F-A-V-O-L-O-S-O! Il buffet della colazione salata non finiva più di cose belle solo a guardarle! Per non parlare del servizio! *_*
      Tieni d’occhio i comunicati AccorHotels, magari hanno bisogno di altre spie. Io ormai sono bruciata 😀
      Grazie per i complimenti in incognito! 😀 😀 :**

    • Un grosso sacrificio Roberta…uh non sai cosa abbia dovuto patire hahahahah! 😛
      Grazie per essere passata ti auguro una buona domenica! 😉

Rispondi