Kaunas info utili sulla piccola Parigi della Lituania

Pensando ai miei viaggi di questi ultimi due anni riflettevo sul fatto sono tutti accomunati da un unico filo conduttore: l’acqua. Già, l’acqua!
Praga, Firenze, Colmar con i suoi meravigliosi canali navigabili e Cracovia sono tutte città lambite da grandi fiumi.
E poi c’è stata Malta con il suo mare indimenticabile.

Ma è in Lituania che ho toccato l’apoteosi, non a caso si dice che in Lituania ovunque si posi lo sguardo è possibile vedere uno specchio d’acqua. Ed è vero! Per quel poco che ho visto è una terra bellissima e verdissima!
A Kaunas poi questo aspetto è ancora più evidenziato dalla confluenza di due fiumi leggendari: Nemunas e Neris (non sono evocativi anche questi nomi così nordici?).

Una leggenda popolare dai tratti molto romantici vuole che i due amanti di origini bielorusse Nemunas lui e Neris lei, si uniscano a Kaunas per proseguire il loro cammino insieme fino a raggiungere il Mar Baltico senza lasciarsi mai più.
E infatti non è inusuale trovare giovani coppie che si scambiano promesse eterne proprio nell’esatto punto in cui i due fiumi si congiungono alla punta del grande parco cittadino.
Una metafora della vita di coppia direi perfetta e soprattutto benaugurante!

Ma prima di parlarvi di cosa vedere in questa bella città baltica dai mille ed interessantissimi aspetti vi anticipo un post con delle info utili e qualche curiosità su Kaunas: un vivace gioiellino che a ragione, spesso viene definito come Piccola Parigi.

Nella città di Kaunas convivono contemporaneamente un’anima medioevale, una liberty e una più come dire, soviet.
La parte medioevale è la Old Town dove ho alloggiato io e si trova proprio sulla penisola formata dalla confluenza dei due fiumi.
Il suo viale pedonale è interamente lastricato ed è sorprendente passeggiare ammirando architetture gotiche particolarissime alternate a piazze, castelli e parchi di un verde che incanta gli occhi.

Poi c’è la zona centrale dello shopping, dei musei, del business, degli hotel più rinomati, ristoranti e università, tutti posizionati su un meraviglioso boulevard lungo quasi due km.
Un viale (Laisves Aleja o Viale della Libertà) attraversato nella parte centrale da un doppio filare di tigli che insieme alle facciate degli edifici regala a questa parte di Kaunas un pregevole aspetto liberty. Passeggiarci è stato assai piacevole, immagino che spettacolo dev’essere in piena fioritura!

E poi ancora tutt’intorno quartieri con belle architetture moderniste sovietiche (oh a me piacciono), parchi cittadini immensi, centri commerciali e colline con belvederi panoramici.

Altra curiosità: proprio in Lituania, a qualche km da Kaunas, cade il centro geografico dell’Europa, esattamente al 54°54′N 25°19′ stabilito utilizzando il calcolo con il metodo del centro di gravità.

Il sole tramonta alle 21:00 ed è fantastico!
Nei mesi di giugno e luglio addirittura alle 22:00. Praticamente 15 ore di luce per gironzolare e godersi la città! Città che ho trovato parecchio viva e piena di giovani, soprattutto grazie alle numerose università sparse sul territorio.
I bar e i deliziosi localini con dehors sono affollati a qualsiasi ora del giorno, pensate che di sera ogni tavolino è munito di un kit di morbide copertine da usare appena cala la temperatura!
Mi è capitato di incontrare per le strade sfilate di ragazzi in costume che intonavano Hare Kṛṣṇa oppure gioiose bande di scozzesi in kilt che scattavano selfie con i gonnellini alzati (rigorosamente senza intimo!) 😛

Ultimo ma non ultimo a Kaunas, così come in tutta la Lituania, vige la regola del tourist friendly! Tutti sono cordiali e disponibili.
Addirittura una ragazza (maschi all’ascolto le ragazze Lituane sono bellissime 😉 ) è scesa con noi alla fermata di un museo appositamente per indicarci la strada per poi lasciarci e prendere un’altra corsa!
L’Ente del Turismo Visit Kaunas è stato disponibile a rispondere a tutte le mie 800mila domande, fornendomi anche numerosi consigli utili.

Apro una piccola parentesi sull’utilità della letteratura travel: noi travel blogger serviamo e serviamo parecchio! Essendoci in rete molto poco e in inglese su questa destinazione emergente (tra l’altro prossima Capitale della Cultura 2022), non ho potuto informarmi come faccio di solito ma ripeto, lo staff di Visit Kaunas è stato assolutamente kaunastico accogliendo addirittura il nostro volo inaugurale da Napoli con opuscoli, ingressi omaggio e tanti sorrisi!

Come muoversi a Kaunas con i mezzi pubblici

Il territorio di tutta la Contea di Kaunas è servito da una rete di trasporti pubblici fitta, puntuale ed efficiente. Non ho mai riscontrato nulla del genere da nessun’altra parte.  Sentite qua:  in città circolano bus, trolleybus, minibus e filobus. Dove volete andare?
Il costo del biglietto per la singola corsa sui bus è di 80 centesimi di Euro da pagare direttamente all’autista mentre sui minibus è di 1 Euro a corsa.

Qui c’è un utilissimo sito con gli orari locali di tutti i mezzi pubblici circolanti sul territorio. E’ possibile visualizzare in tempo reale il mezzo che vi interessa mentre è in movimento e si sposta sulla mappa. Disponibile anche l’app che ho testato personalmente.

Dall’aeroporto di Kaunas, distante solo 18 km si arriva in città con il bus 29, sempre a 80 centesimi. Gli orari sono consultabili sul sito di cui sopra.

Come muoversi a Kaunas con il Taxi

Il Taxi è molto economico, personalmente l’ho utilizzato per tornare a Kaunas dall’Open Air Museum per via del fatto che la fermata del bus è dislocata a diversi metri (leggi chilometri) di distanza dall’ingresso. E non è stata l’unica occasione, anche la fermata per il IX Forte era lontana dall’ingresso!
Anche qui un servizio puntuale, impeccabile e conveniente: solo 25 Euro per corrispondenti 25 chilometri. Sono venuti a prenderci in Audi A6 e in circa un quarto d’ora eravamo a Kaunas! Avevo preso accordi con la ditta Miesto Taxi via e-mail prima di partire già dall’Italia, indicando i tempi e la data del servizio.

Vi lascio il sito web e il numero di telefono perchè avendo testato personalmente il servizio ne ribadisco la professionalità e l’affidabilità: +37060093330 mi raccomando inserite il simbolo “+”.
Per chi volesse raggiungere la capitale della Lituania Vilnius, Miesto Taxi effettua anche un transfer diretto dall’aeroporto di Kaunas, se viaggiate in più persone è la soluzione perfetta per ripartire le spese.
Sapete, col senno di poi mi sarei affidata a loro anche per tutti gli altri spostamenti, così avrei potuto ottimizzare e visitare attrazioni che purtroppo ho dovuto escludere per via del tempo limitato e degli orari di chiusura.

Nei  prossimi post vi parlerò di cosa vedere, cosa mangiare (sto ancora digerendo) e dove dormire. In più due post monografici sull’Open Air Folk Museum, sul IX Forte e un articolo sul progetto di una giovane coppia di italiani che vive e lavora a Kaunas.

Intanto vi lascio con una curiosissima foto che ritrae un’orsa e il bufalo simbolo di Kaunas.

52 pensieri su “Kaunas info utili sulla piccola Parigi della Lituania

    • E’ vero non c’è nulla da fare: le città e i borghi sull’acqua hanno un fascino che strega.
      Complice anche la storia che c’è alle spalle di una città fluviale con tutto quello che comporta come punto strategico, sviluppo ecc.
      Ti ringrazio per i complimenti Enri e grazie anche per essere passato!

  1. Pur apprezzando da tempo i tuoi articoli, sinora la mia “miopia” o forse la concentrazione sui testi, non m’aveva fatto accorgere della gran qualità delle tue foto e neanche dell’ottima postproduzione. Appena posso farò ammenda riaprendo gli articoli precedenti.

    • Grazie per i complimenti! In realtà è una cosa recente…diciamo che ci provo a “postprodurre” và! 🙂
      Buon fine-domenica 😉

    • Neanche io sai? Lessi di questa cosa per la prima volta su un articolo della Repubblica.
      E in effetti questo lato romantico per le strade l’ho riscontrato! Molti caffè, molti fiori, tantissima gente giovane e belle architetture! 😉

  2. Sapevo che mi avresti fatta innamorare di un luogo di cui, prima di leggere te, non sospettavo nemmeno l’esistenza. Quindi: eccome se servono i travel blogger! Ben vengano le loro esperienze, per poter scoprire (e copiare) nuove mete.
    Carinissimi anche i ragazzi di Visit Kaunas, devo dire che vi hanno davvero accolto con tutti gli onori! Se volessero far cosa buona e giusta, dovrebbero anche scegliere “Il Bufalo e l’Orsa”, come immagine ufficiale di “Kaunas 2022”. In caso di sondaggio: IO VOTO!
    Comunque Dani, ottimo vademecum. Completo, preciso, splendide le foto…realmente la tua meta primaverile mi è piaciuta tantissimo, mi sono entusiasmata!
    E giuro, non centra nulla il fatto che pullulasse di scozzesi in kilt. No, no…
    Buona giornata!
    Claudia B.

    • hahahah grazie Claudia! :**
      Il bufalo di Kaunas è stato molto cortese nell’accettare di farsi fotografare con l’Orsa…diversamente dgli scozzesi che erano tutti presi dai loro gonnellini svolazzanti! 😛

  3. Io ci voglio andare a Kaunas. Ci volevo andare prima e a maggior ragione ora dopo aver letto il tuo post. Adoro queste città più raccolte, dove puoi goderti appieno tutto quello che hanno da offrire. Vilnius mi aveva completamente conquistata anche per la gentilezza e la compostezza degli abitanti, la pulizia, il senso di tranquillità che si respira girando per le sue strade.
    Per me la Lituania è favolosa!

    • Vero, molto raccolta ma nello stesso tempo grandicella da girare a piedi! E comunque è una cittadina che pullula di vita diurna e notturna. Mi hanno detto che Vilnius è molto più “international” mentre Kaunas è composta per il 90% di local quindi qui si può vivere la Lituania più autentica pur apprezzandone vivacità e modernità 😉

    • Anche io *_* e non volendo mi sono resa conto che prenoto sempre dove c’è l’acqua! 😉
      Grazie per essere passata Ale 😉

    • Si e dovevi vedere il parco del castello che spettacolo! *_*
      Se ti sposti un po più in là in quell’angoletto ci stiamo entrambe! 😉

  4. Ecco, tu mi fai scoprire sempre questi posti nuovi e mi fai voglia di partire subito 😀
    Che le lituane fossero belle però lo sapevo 😀
    Mi piace sempre scoprire posti nuovi e anche al di fuori delle tratte più turistiche.

    • Ehh ma vogliamo parlare dei tuoi reportage in Norvegia e non ultimo quello fra Santorini e Mykonos? 🙂
      Sai che sul volo da Napoli spiavo i passeggeri in cerca di qualche collega blogger delle nostre parti? Chissà perchè mi ero messa in testa di trovare qualcuno di voi 😀 😀
      E invece ho viaggiato con una comitiva di musicisti e i loro strumenti comodamente adagiati sul lato finestrino! 😀

  5. Sarà che conosco Parigi a memoria, ma Kaunas (almeno dalle foto) non me la ricorda molto [Si, sono pignola ma Parigi per me è unica e sola *_* eheheh].
    Però è una città davvero deliziosa, e l’idea che sia piena di canali d’acqua mi affascina tantissimo: dalla curiosità che mi hai trasmesso sono andata subito ad informami sui voli ma da Roma, nada… sigh!
    Complimenti per l’articolo e bravo l’ente del turismo, è importantissimo collaborare insieme, si scoprono dei tesori splendidi! :*

    • E’ vero Cris Parigi non si tocca ma una sorta di romanticismo parigino l’ho avvertito davvero per le strade! In realtà non è piena di canali ma è lambita da due enormi fiumi che si congiungono all’estremità di un bellissimo parco col castello! *_*
      Grazie per i complimenti e ce ne fossero di Enti così! 😉 Pensa che ci hanno accolto all’aeroporto con materiale informativo e depliant per scoprire meglio questo gioiellino baltico!

  6. Sono stata in Lituania qualche anno fa, ma Kaunas mi è sfuggita. Molto interessante, ne avevo sentito parlare in termini negativi (ma la fonte non è proprio attendibile!), invece vedo che è proprio carina 🙂 bravi anche i ragazzi dell’Ente del Turismo a organizzare un’accoglienza con i fiocchi! Un abbraccio!

    • Davvero coi controfiocchi! C’era anche il tipo che fotografava il nostro ingresso trionfale nell’area arrivi! 😀 😀 Beh, purtroppo l’esperienza di viaggio è sempre soggettiva come quando vai dal dottore: se ti va bene è uno bravo altrimenti è un macellaio! 😉
      A me Kaunas è piaciuta, soprattutto dal secondo giorno con un sole e una luce pazzeschi che l’hanno messa assai in risalto!
      Ti abbraccio anch’io!

  7. Assolutamente da salvare questa tua miniguida, non si sa mai 😉
    Visto che segui sempre “l’acqua” ti tocca Lisbona con il suo romantico Tago che conclude la sua corsa abbracciando l’oceano. Ti/vi aspetto sempre…. <3

  8. Bentornata, Orsa! Mi hai fatto scoprire una destinazione che non conoscevo, nel senso che prima di sentirne parlare da te non sapevo nemmeno dell’esistenza di Kaunas. Non penso ci siano voli da Torino, ma magari da Milano. Ora sono sempre più interessata all’architettura sovietica per cui non vedo l’ora di vedere le tue foto e di leggere i prossimi post.
    Che carini anche quelli dell’Ente del Turismo: fa piacere sapere che ci tengono a far conoscere la loro città.
    Ma gli scozzesi in kilt mezzi nudi cosa ci facevano???

    • Grazie Silvia, sai che tre giorni sembrano proprio volati tanto che li ho passati piacevolmente?!
      Credo che la presenza degli scozzesi alticci per le strade sia dipesa da qualche festival locale o semplicemente erano turisti…non saprei.
      Una cosa però la so: la combinazione ragazzi scozzesi+birre lituane è una bomba esplosiva! 😀 😀

  9. Io adoro le chicche fuori dai classici itinerari…e sono proprio curiosa di sapere cosa ti ha fatto propendere per questa meta!
    Qualunque sia la motivazione, dalle tue foto e parole, capisco che sia stata ampiamente ripagata!
    Per me il binomio acqua-Europa è infallibile!
    Bellissima fuga…aspetto di leggere il resto!

    • Bellissima fuga per davvero 😉
      Ehhhh ma lo sapete, il motivo è sempre quello: il Nord e la sua stella polare! Diciamo che piano piano mi sto avvicinando dai! 😉

  10. va bhe, ma questo posto pare un sogno!! Kaunas questa sconosciuta perla lituana… Purtroppo da Milano (che per ma è solo Malpensa :-p) non ho voli per questa destinazione, speriamo che Ryanair provveda. Aspetto gli altri post!!!

  11. Kaunas mi attira ancora di più di Vilnius che invece trovo un pochino fredda e troppo sovietica!
    E’ vero che il nostro lavoro è molto utile, soprattutto quando si parla di zone ancora poco conosciute o di chicche che un turista non si aspetta di trovare! Certo, tutti sanno cosa fare a Londra in un weekend ma chi lo sapeva di questa bella e ridente città in Lituania ?!
    Grande Dani e che bella sei?!? <3

    • Sai che a proposito di “troppo sovietica” da quello che ho percepito ingiro il retaggio della dominazione russa è rimasto ed è ancora forte nella popolazione la paura di un’altra invasione. Non a caso la NATO ha schierato un imponente esercito proprio sul territorio di Kaunas (e per le strade infatti ho visto parecchi soldati). Paradossalmente i lituani temono più un’invasione russa che l’isis! O_o
      Grazie per i complimenti Lu :* ma la mia bellezza è generata dall’effetto-contrasto della bruttezza del bufalo! 😉

    • Grazie Serena, hai usato l’aggettivo appropriato: Kaunas ha degli scorci e degli angoli davvero deliziosi!
      Grazie per esserti fermata a leggere!

  12. Certo che servono i travel blogger, sennò chi avrebbe mai sentito parlare di Kaunas?! Mi incuriosisce molto questa destinazione emergente e tu hai voluto aprire la pista a tutti, perciò un mega grazie dei consigli. Un bacione, Orsa!

    • Esatto destinazione emergente: ho trovato tantissima voglia di fare un buon turismo e un’ottima accoglienza. Il trend non può che essere in crescita e se lo meritano! Non hanno nulla da invidiare alle mete più conosciute e battute dal turismo di massa 😉
      Grazie a te Chiara!

  13. sai che Kaunas non l’avevo nenche mai sentita nominare? Infatti sfogliando i titoli nell’home page mi sono chiesta “ma dove cavolo è finita Orsa?”, ed invece mi hai stupito, sembra una città carinissima e romantica! Segnata! Ultimamente mi attirano molto le città non molto grandi da visitare in un paio di gioni al massimo!

    • Neanche io l’avevo mai sentita nominare…God Bless Ryanair hahaha! Si, se rimani in centro due giorni sono perfetti. Tuttavia quando programmi un viaggio cominci a vedere su tripadvisor le attrazioni nei dintorni e cadi immediatamente nel vortice dell’itinerario “stressamarito” 😛 E una settimana non basta! A presto Vale, grazie per essere passata 😉

Rispondi