Dormire a Santo Stefano di Sessanio: Residenza La Torre

Dove dormire a Santo Stefano di Sessanio

E così con la promessa di uno stracciato 20 € a/r molto spesso si perde l’occasione di scoprire la bellezza del nostro territorio.
Io per prima riconosco di essere complice di questa fuga, macchiandomi perennemente dell’ignobile colpa di non esplorare abbastanza il Bel Paese.

Tuttavia deve essermi successo qualcosa perché in questi mesi ho visto sfilare golosi bocconcini europei pronti da acciuffare a colpi di click.
Eppure li ho subiti passivamente: su di me avevano lo stesso effetto che fa il minestrone su di un bambino.
Continue reading

Ade Andrews il volto di Robin Hood del 21 secolo

Quante generazioni grazie ai blockbuster hollywoodiani e all’intramontabile cartoon Disney hanno sognato il mito del fuorilegge che rubava ai ricchi per dare ai poveri?

Sotto il cappuccio di questo eroe attualissimo e sempreverde si sono avvicendati nomi come Errol Flynn, Sean Connery, Kevin Costner e per ultimo Russell Crowe ma è a Nottingham che dovete andare per incontrare Ade Andrews il volto di Robin Hood del 21 secolo! Continue reading

Dove dormire a Napoli BenBo Capsule Hotel dell’Aeroporto Capodichino

BenBo Capsule Hotel

Ma chi l’ha detto che il 17 porta male? Il 2017 ha regalato all’Aeroporto di Napoli Capodichino una crescita inarrestabile.
Dopo l’atterraggio di Ryanair, dopo l’Award come migliore aeroporto europeo e dopo il percorso sensoriale immersivo nei profumi e nell’archeologia della Campania, Capodichino sorprende i suoi viaggiatori con uno dei primi Capsule Hotel tutto italiano.

Si chiama Bed And Boarding, per gli amici BenBo Capsule Hotel.
Neanche il tempo di pronunciare le due sillabe che si passa dalla pista di rullaggio alla comodità di guanciale e materasso in pochi metri.

Continue reading

Come arrivare a Nottingham dove dormire e qualche curiosità

Come arrivare a Nottingham dove dormire

Di Nottingham ne avevo sempre sentito parlare in termini scoraggianti con espressioni tipo “solo se sei di passaggio“, “in zona c’è altro” e similari.

Complice un volo Ryanair da Euro15,90 sono partita da Napoli con l’intenzione di testare con mano e sfidare la community di viaggiatori RESTANDO a Nottingham per tre giorni pieni: mi sono detta WhyNOTtingham?
Col senno di poi mi sono resa conto che per la mia prima volta in terra di Sua Maestà non ho scelto Londra e non me ne sono affatto pentita! Ecco un articolo in cui spiego come arrivare a Nottingham dove dormire più qualche curiosità.
Continue reading

Brema: come muoversi, dove dormire e qualche curiosità

Continuano le mie fughe alla ricerca del Nord e alla ricerca delle città sull’acqua.
A poco più di un mese di distanza dal mio trip lituano a Kaunas, eccomi in un’altra splendida città sulla linea commerciale della Lega Anseatica.
Ryanair con soli 40 euro a/r mi ha portata a Brema nell’estremo Nord della Germania.

Sono stati quattro giorni intensi e bellissimi in cui ho conosciuto posti e persone davvero speciali! Continue reading

Cosa portare in viaggio in Lituania il #MioBagaglioPer Kaunas


Finalmente dopo 5 lunghissimi mesi di letargo, l’Orsa si risveglia e torna a preparare lo zaino.
-Ragazzi parto per Kaunas!
-Ma nun c’ annà, ma làssa pèrde, ma chi t’ ooo fa fà?
-… ho detto che vado a Kaunas non a fare la Saùna! (ok questa arriverà a pochi)

Ladies and gentlemen let me introduce il #MioBagaglioPer Kaunas!
Continue reading

Cosa vedere a Cracovia in 48 ore

cosa vedere a Cracovia

Vi mostro cosa vedere a Cracovia in 48 ore

E’ vero, la capitale politica della Polonia è Varsavia ma Cracovia è stata [giustamente] eletta la capitale culturale, vuoi per le bellezze architettoniche vuoi per le numerose università sparse sul suo territorio.
Tra l’altro è l’unica città le cui architetture sono scampate ai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, per cui quello che offre al visitatore è assolutamente original! Continue reading

ll campo di concentramento di Auschwitz: un capolavoro d’ingegneria della cattiveria umana

visitare il Campo concentramento Auschwitz

In silenzio e con gli occhi bassi. Così sono tornata dalla visita del complesso che ospita il campo concentramento Auschwitz e quello di sterminio di Birkenau (Auschwitz II), distanti l’uno dall’altro solo due km. Due km che separavano i condannati a morte dai condannati alla vita.

Già, vita. Ma quale vita era quella di un “ospite” di Auschwitz? La neve solitamente con il suo candore ovatta e ingentilisce tutto. Ma qui no. Questo posto nel suo drammatico silenzio urla tutto l’abominio del mondo. Continue reading