Cosa mangiare a Nottingham e dove

Ma bene dopo aver constatato che non è vero che a Nottingham non ci sia nulla da vedere, ecco un altro mito da sfatare: non è vero che in Inghilterra si mangi male!
Questo breve viaggio che attraverso l’aeroporto East Midlands mi ha portato a Nottingham, continua a regalarmi bellissime sorprese.
Dopo aver scoperto una città piena di storia e belle architetture, ho scoperto una marea di pub, brasserie e localini tutti uno più bello dell’altro (anche sbirciando dall’esterno).
La scelta è davvero molto varia sia per gli amanti della cucina tradizionale britannica che per i fissati sui sapori etnici. E tutti poi con offerte diversificate in base alla grandezza del portafogli.
Curiosi di sbirciare cosa bolle nel pentolone di Fra Tuck? Allora vi mostro cosa mangiare a Nottingham e dove!

Continua a leggere

Dove e cosa mangiare a Brema: attenti alle dita!

Il rischio è quello di distrarvi addentandovi una mano o una falange.
Sia che voi stiate gustando uno street food passegiando per strada,  sia che siate seduti al tavolo di uno dei numerosi locali della città, la tendenza a Brema è di associare il piacere della gola a quello della vista: personalmente ovunque io abbia mangiato mi sono rifatta gli occhi e lo stomaco!
Purtroppo in tre giorni non ho avuto tantissime occasioni per cibarmi, tuttavia ecco una breve guida su dove e cosa mangiare a Brema se vi trovate in questo strepitoso angolo della Germania del Nord per 48 ore. Continua a leggere

Cosa mangiare a Cracovia e dove dormire

Cosa mangiare a Cracovia? Tanto e spendendo pochissimo!

E’ tanto e tale il materiale prodotto dai Travel Blogger che ci si potrebbe compilare non un’enciclopedia ma un’Opera di spessore teologico, un intero Giubileo di Opere Corporali per Viaggiatori: dar da mangiare all’affamato, dar da dormire al pellegrino, insegnare ai viaggiatori (ignoranti), visitare gli inf…ehm i musei, consigliare i dubbiosi.
Non trovate che con un’opera simile ci si dovrebbero spalancare le porte della misericordia del viaggio eterno? (badate bene, non quello da STESI).
E’ curioso come sebbene io non sia credente abbia fatto un’associazione di pensiero di tale levatura ecumenica, no?

Così, mentre in questi giorni mi disperavo all’idea che la mia mente partorisse paroloni da catechista, proprio mentre stavo ormai arrendendomi alla possibilità di essere diventata più buona, ecco che ricevo una folgorazione che, ironia della sorte, potrei definire Divina!
Cracovia!
Ma certo, Cracovia! Continua a leggere

Un’Orsa a Praga: giorno #2 – km 13 – Czk 1.273 (47 Euro)

E Praga giorno #1? E’ Qui

07:00 del mattino, ci svegliamo con il profumo di caffè (americano di Praga) e con il tintinnio delle tazzine.
La nostra camera, ubicata in prossimità dell’area riservata allo staff, ci permette di ascoltare “piacevolmente” ogni singola azione del personale mentre si dedica alla preparazione della frugale colazione: panini, burro, marmellata, caffè lungo, formaggino (!!!), yogurt e uno strano paté che non ho avuto il coraggio di aprire. Continua a leggere